L’Europa vaso di coccio tra Russia e America

Siamo arrivati alla vigilia delle elezioni: termina una campagna elettorale nella quale i diversi partiti (con limitatissime eccezioni) hanno fatto di tutto per offrire il peggio si sé. Demonizzazione dell’avversario, fino agli insulti; protagonismi e personalismi strabordanti fino a nascondere la povertà delle proposte; vaghezza di giudizio politico sulla complessa e pericolosa situazione internazionale nella quale siamo immersi. Più la confusione è diffusa, più gli elettori cercano un qualche “salvatore della patria” al quale affidare la propria speranza.  E’ stato così cinque anni fa con il successo del movimento di Grillo,…

Condividi:
Leggi

La politica si occupi dell’uomo

Si avvicinano le elezioni politiche e, come direbbe il “grande timoniere” Mao Tse Tung “grande è la confusione sotto il cielo”. In effetti l’elettorato italiano, anche perché in vacanza, appare distaccato dalle vicende politiche, l’astensione appare nei sondaggi ancora molto ampia, il dibattito in corso sulla formazione delle coalizioni non ha ancora trovato un punto definitivo di equilibrio. In questo contesto c’è la determinazione del segretario del PD Enrico Letta di trasformare in ogni modo la competizione elettorale in un duello bipolare tra lui e Giorgia Meloni. In questo spalleggiato…

Condividi:
Leggi

Un paese senza famiglie non ha futuro

E’ costante nella storia d’Italia il rischio di essere governati da poteri esterni che cercano di imporre la propria organizzazione sociale, la propria cultura. Si potrebbero cercare esempi illuminanti nel nostro passato remoto, in tempi recenti, invece, il tentativo più evidente di imporre agli italiani modalità di convivenza politica e di costumi alternativi alla propria cultura e tradizione è avvenuto negli anni novanta dello scorso secolo con il contemporaneo scatenarsi del fenomeno cosiddetto di tangentopoli e i tentativi, in parte riusciti, di modificare nel profondo il sistema democratico attraverso la…

Condividi:
Leggi

Il Cristianesimo una garanzia di pace

L’invasione russa dell’Ucraina costringe a ripensare il tempo che viviamo. Già ci aveva messo in guardia papa Francesco quando, nel 2015, aveva descritto la nostra come “non un’epoca di cambiamento, ma un cambiamento d’epoca”. La guerra ha messo in discussione l’intera organizzazione mondiale: i processi di globalizzazione si erano sviluppati sul principio dell’interdipendenza delle diverse nazioni, soprattutto dal punto di vista economico. Materie prime e prodotti finiti a basso costo importabili dai paesi produttori sembravano poter garantire un equilibrato sviluppo non solo dei paesi avanzati ma anche delle aree più…

Condividi:
Leggi

Referendum un perfetto sconosciuto

Per quelli che, come noi, considerano la politica italiana gravemente malata per non dire moribonda, la vicenda delle votazioni per il prossimo referendum non è che un’ulteriore conferma. Basta parlare con le persone normali, non impegnate cioè con la politica e le sue vicinanze, per constatare l’assoluta ignoranza della scadenza referendaria. I comunicati elettorali pochi e poco attraenti, i manifesti latitano, persino i social sembrano lontani dalla scadenza. Eppure la raccolta di firme per ottenere le votazioni di alcuni referendum sulla giustizia era stata voluta e sollecitata con grande dispendio…

Condividi:
Leggi

Caos mascherine la politica non decide

Nella polemica di questi giorni riguardante le mascherine nelle aule scolastiche, vedo dalla stampa che il ministro Speranza, contrario a toglierle, dice: “sono valutazioni che deve fare la comunità scientifica”. E’ un’affermazione simile ad altre dello stesso tenore come “ce lo chiede l’Europa” e a quella ancor più definitiva “non c’è altra soluzione possibile”. Queste affermazioni sono il sintomo, se non della morte, almeno di una grave malattia della politica. Compito della politica, infatti, è proprio la capacità di prendere decisioni per sostenere e migliorare la vita dei cittadini: utilizzando,…

Condividi:
Leggi

Il mondo attende leader lungimiranti

È venuto il momento di prendere seriamente in considerazione due affermazioni di papa Francesco che – quando le ha fatte – sono state per lo più collocate tra le battute che il Pontefice non risparmia soprattutto nei dialoghi sull’aereo di ritorno dai viaggi apostolici. L’ idea che è oggi in corso «una guerra mondiale a pezzi» non aveva bisogno dell’invasione dell’Ucraina per assumere un peso di verità: secondo gli esperti di geopolitica i conflitti aperti nel mondo oscillano tra la trentina e addirittura il doppio, a seconda di come vengono…

Condividi:
Leggi

Sempre più scollegate élite europee e popoli

La scorsa domenica il Presidente uscente dell’Ungheria è stato rieletto per la quinta volta con il 53% dei voti e un ampio vantaggio sugli oppositori, nonostante le previsioni contrarie della gran parte dell’informazione italiana ed europea. Senza entrare nella questione specifica ungherese tuttavia quanto avvenuto si presta ad alcune considerazioni di ordine generale. Innanzitutto conferma che in Europa esiste un forte scollamento tra le élites (culturali, politiche, a volte anche religiose) che controllano la gran parte dei canali informativi, e il sentimento di molte popolazioni. Avviene poi che, quando le…

Condividi:
Leggi

Europa non è (solo) UE

Queste righe escono nel giorno in cui papa Francesco ha scelto di consacrare Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria, come la Madonna stessa chiese nel 1917 ai pastorelli di Fatima ai quali anticipò il dramma che l’Europa avrebbe vissuto di lì a poco. Si può sottovalutare questo gesto o considerarlo inadeguato alle necessità del tempo presente. Per i credenti in realtà è il gesto più concreto perché aiuta a riconoscere che la realtà ha un senso, che la storia non è un ripetersi ciclico di eventi ma cammina,…

Condividi:
Leggi

Caino e Abele nei nostri tempi

La liturgia ambrosiana della Quaresima ci offre quotidianamente la lettura del libro della Genesi. Sono pagine ben note: la creazione, Adamo ed Eva, Caino e Abele… Rappresentano l’inizio di un cammino che vuole preparare il credente a vivere la centralità del mistero cristiano, la morte e la resurrezione di Gesù, ma sono parole che costituiscono un criterio di giudizio anche verso le contraddizioni e le tragedie del nostro tempo. Fin dall’origine, infatti, l’uomo si trova davanti al dramma della sua libertà: la scelta tra il bene e il male, scelta che…

Condividi:
Leggi

Guerra in Ucraina l’aiuto viene da Manzoni

Nel quinto capitolo dei Promessi Sposi Manzoni racconta la visita di padre Cristoforo a don Rodrigo per perorare la causa di Lucia. Prima del drammatico faccia a faccia con lui, il frate viene coinvolto nella disputa in corso tra i nobili commensali che stanno argomentando se sia lecito o no bastonare il portatore di una ambasciata. In questo talk show ante litteram, nonostante la sua reticenza, è costretto a dare il suo parere anche il buon frate, in questo modo: “ il mio debole parere sarebbe che non vi fossero…

Condividi:
Leggi

Benedetto XVI e l’assalto alla visione cristiana della vita

“Fu perciò favorita una mancanza di difesa e di alimento della fede del popolo di Dio, in quanto è attraverso l’attività culturale che la vita di un popolo si approfondisce e diventa storicamente generativa, pro o contro la tradizione cristiana che ha costruito la civiltà occidentale. Noi ora è come se fossimo investiti dalle estreme conseguenze della ribellione razionalista al Dio vivente.” Sono parole prese dall’introduzione di don Giussani agli esercizi spirituali del movimento di Comunione e Liberazione del 1997, e si riferiscono a un processo storico che lui fa…

Condividi:
Leggi

Di tecnocrazia si può anche morire

In un tempo in cui la religione dominante sembra essere diventata l’ambientalismo oppure lo scientismo, è sempre più raro trovare voci discordanti o almeno critiche che sostengano visioni diverse. Ascoltando distrattamente alla radio una trasmissione dedicata a temi ambientali mi ha colpito l’affermazione di un imprenditore, «ma la plastica non ha le gambe», sintetica espressione che voleva sottolineare che se gli oceani, i mari i fiumi e gli ambienti in genere sono pieni di rifiuti plastici significa che qualcuno ce li ha fatti arrivare fin lì. Affermazione banale, forse, ma…

Condividi:
Leggi

Che farsene del cristianesimo?

«Se si volesse parlare chiaro, si dovrebbe cominciare a dire, per prima cosa, che il mondo attuale, o meglio l’Occidente, cioè le nostre società e il nostro modo di vivere e di pensare, la nostra economia tecnologia e politica, non sanno che farsene del cristianesimo». Parole dure che aprivano un articolo di Alfonso Berardinelli sulla prima pagina de “Il Foglio” di sabato scorso dedicato a recensire un ennesimo libro sul rapporto tra cristianesimo e modernità. Un’affermazione così perentoria che ne richiama una di Dostoevskij: «Un uomo colto, un europeo dei…

Condividi:
Leggi

Democrazia in questione

Nelle riflessioni e nel dibattito sul futuro della democrazia (di cui anche noi abbiamo accennato in un recente editoriale) entra con decisione Papa Francesco. Parlando con i giornalisti sul volo di ritorno dal suo recente viaggio a Cipro e in Grecia il Papa, tra l’altro, afferma che: ”la democrazia è un tesoro, un tesoro di civiltà, e va custodito, va custodito, e non solo custodito da una entità superiore, ma custodito tra i Paesi stessi”; che uno dei rischi per la democrazia sono i populismi (notare che rifiuta l’inclinazione della domanda…

Condividi:
Leggi

Ricostruire il popolo per rinnovare la democrazia

La riflessione sullo stato della democrazia (o meglio delle democrazie visto che il problema è diffuso in tutti i Paesi democratici) si arricchirà a breve della riflessione di Charles Taylor (lo studioso autore tra l’altro di una profonda analisi del fenomeno della secolarizzazione) e altri collaboratori. Il volume “Una nuova democrazia: come i cittadini possono ricostruirla dal basso” è annunciato per il prossimo mese di Gennaio ma nel frattempo “Vita e Pensiero”, la rivista dell’Università Cattolica, ha anticipato il primo capitolo del testo poi ripreso anche dal quotidiano “Domani” con…

Condividi:
Leggi

Il Senato boccia la teoria del gender

Una felice coincidenza ha fatto sì che la presentazione del libro di Roberto Formigoni, “Una storia popolare”, potesse avvenire senza limitazioni in sala e con la stessa presenza dell’autore. Non è il compito di queste righe raccontare l’evento, peraltro ripreso ampiamente dagli organi locali di stampa, tv e social, ma portare l’attenzione su un particolare aspetto dell’intervento di Formigoni nella sala Ticozzi a Lecco. Mi riferisco alla domanda che gli è stata fatta sulle origini del Movimento popolare. Ora tutti conoscono, o pensano di conoscere, il Formigoni ospite di palazzi…

Condividi:
Leggi

L’arcivesco Mario Delpini: i milanesi hanno perso la speranza

Le scorse settimane hanno messo in luce diverse questioni meritevoli di approfondimento. Ne enumero qualcuna a caso. Sul piano culturale e religioso: in Francia dopo il dossier sui casi di abuso di minori da parte di religiosi è iniziato l’attacco al segreto confessionale. I giornali d’oltralpe segnalano la tentazione del governo di attentare alla segretezza della confessione e si chiedono se il segreto del confessionale sia superiore alle leggi della République. Decisa la risposta della Chiesa francese a difesa del sacro vincolo. Ancora nel campo religioso ecco che il novello…

Condividi:
Leggi

Per la buona politica serve una giusta visione del mondo

Innanzitutto la performance della giovane e bella parlamentare democratica americana Ocasio-Cortez che si è presentata al MET Gala (una festa per raccogliere fondi a favore del Metropolitan Museum di New York) vestita con un abito bianco su cui risaltava in rosso la scritta “Tax the rich”, tassare i ricchi! Ora è fin troppo facile sottolineare quanto meno l’inopportunità di una tale affermazione in un ambiente in cui i partecipanti avevano pagato lingresso almeno trentamila dollari; o anche obiettare che – visto che si trattava di beneficenza –chi avrebbe dovuto provvedere,…

Condividi:
Leggi

Lo statalismo nemico delle culture popolari

Nell’esperienza educativa di Gioventù Studentesca il canto ha fin dalle origini un ruolo particolare: per questo, mentre ancora non c’erano canzoni nate all’interno del movimento, don Giussani attingeva a quanto era disponibile e utilizzabile per documentare la bellezza e il senso del cammino, tra gli altri anche canti popolari. Uno di questi, abruzzese, esalta la bellezza dei grandi complessi montani, il Gran Sasso e la Maiella. “Son salito alla Maiella, la montagna tutta in fiore…” recitava una delle strofe. Così era nato in noi giessini l’interesse per questa montagna allora…

Condividi:
Leggi

La tentazione dello Stato di farsi assoluto

Ha fatto scalpore la nota con cui la Segreteria di Stato Vaticana ha segnalato al governo italiano che nel disegno di legge Zan sono contenute disposizioni che investono la libertà della Chiesa. Ne riporto alcuni passi per aiutare a conoscere i rischi del progetto di legge i cui pericolosi contenuti sono accuratamente oscurati dai suoi sostenitori.  Dice la nota: «la Segreteria di Stato rileva che alcuni contenuti dell’iniziativa legislativa — particolarmente nella parte in cui si stabilisce la criminalizzazione delle condotte discriminatorie per motivi «fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale,…

Condividi:
Leggi

Ripartire dai territori per riformare la politica

Uno dei sintomi più vistosi della crisi in cui versa la democrazia in Italia è la difficoltà crescente che si trova nello scegliere persone disponibili a candidarsi a sindaco. Le cronache hanno parlato e parlano ampiamente delle situazioni di Roma, Milano, Napoli e grandi città ma anche nelle città minori e nei paesi da cui è intessuto il corpo della nazione è sempre più frequente trovare una sola lista in lizza quando non manchi del tutto chi voglia partecipare all’elezione. Possiamo parlare anche in questo caso di eterogenesi dei fini.…

Condividi:
Leggi

Il pensiero unico del politicamente corretto

Tira brutta aria per la libertà in Italia? Forse dovrei togliere il punto di domanda guardando la realtà. Ha fatto notizia nei giorni scorsi una libraia che ha proclamato con grande enfasi che non avrebbe venduto il libro scritto da Giorgia Meloni. Meno noto è che lo stesso trattamento è stato riservato al libro-intervista di Roberto Formigoni da parte di librerie del Gruppo Feltrinelli, tra le quali anche quella lecchese: trattamento poi rientrato grazie all’intervento del distributore dei volumi stessi e ai conseguenti vincoli commerciali. È del tutto evidente che…

Condividi:
Leggi

Le parole di speranza vengono dalle donne cristiane

C’è un filo (rosso) che lega due avvenimenti accaduti in queste settimane: l’estradizione dalla Francia di un gruppo di persone condannate in Italia per azioni terroristiche e le parole e la polemica suscitata da Fedez al concerto del Primo maggio. Per scoprire il legame occorre però fare un salto indietro nella storia del nostro paese. Il decennio che va dall’inizio della contestazione nelle università nel 1968 al sequestro e l’uccisione dell’on Moro nel 1978, segna uno spartiacque drammatico nella storia d’Italia. Un movimento che nasce nelle università con l’intento originario di…

Condividi:
Leggi

Non solo bianco e nero (ma la Juve non c’entra)

La settimana è stata caratterizzata dall’esplodere di due notizie che si sono prese la prima pagina di giornali e social: il video di Beppe Grillo in difesa del figlio e la nascita (e repentina morte) della cosiddetta Super Lega del calcio europeo. Improvvisamente il sistema dell’informazione, che da molti mesi si alimenta quotidianamente di pandemia, vaccini, virologi e colori regionali, abbandona il tema e apre e commenta ampiamente queste notizie, lasciando l’impressione di una certa strumentalità con cui si racconta l’emergenza sanitaria. Nel caso di Grillo abbiamo assistito a una…

Condividi:
Leggi

La Democrazia Cristiana è definitivamente finita

Troppo facile obiettare che la DC, il partito della Democrazia Cristiana, è morta quando l’offensiva della magistratura al tempo di tangentopoli scopriva il malaffare (a volte reale a volte solo presunto) nel quale i partiti di allora si erano avviluppati. Nell’occasione una leadership democristiana intimorita e pavida scelse, prima, di cambiare nome riprendendo quello sturziano di Partito Popolare per poi assistere inerte alla sua definitiva esplosione in mille pezzi. Esplose, appunto, e qualcosa di quella stagione politica – che aveva portato l’Italia a uscire da una guerra perduta, da un’incipiente…

Condividi:
Leggi

Può una democrazia esistere senza partiti?

Mentre il governo Draghi inizia la sua attività in un clima di speranzosa attesa, può essere utile riflettere su alcuni temi che necessitano di approfondimenti, modifiche o semplicemente di aggiornamenti. In un precedente editoriale avevo accennato alla necessità di un momento costituente che consenta di meglio definire i rapporti tra i poteri dello Stato (governo, parlamento magistratura), necessità resa più urgente dal taglio dei parlamentari e conseguente ridisegno del parlamento come anche dalle rivelazioni sulla magistratura fatte dall’ex magistrato Luca Palamara. La domanda che ora mi pongo: è possibile una…

Condividi:
Leggi

Urge rivedere le regole del gioco democratico

L’imminente formazione di un governo presieduto da Mario Draghi rende utile una riflessione sulla politica che ci ha portato a questo punto. Dopo le elezioni del 2018 che hanno segnato il grande successo del Movimento Cinque Stelle abbiamo avuto due governi definiti il primo giallo verde (M5S e Lega) e il secondo giallo rosso (M5S e PD), entrambi presieduti da Giuseppe Conte. Qui dobbiamo constatare una prima anomalia. Si sono spese e si continuano a spendere molte parole di critica per i numerosi governi che si sono succeduti nella cosiddetta…

Condividi:
Leggi

Dove va l’uomo superbo e disobbediente?

Era il mese di Settembre 2004 quando il cardinale Ratzinger, invitato a prendere la parola al Senato italiano dal presidente Marcello Pera, indicava profeticamente il cammino nel quale la nostra società si era inoltrata: «C’è qui un odio di sé dell’Occidente che è strano e che si può considerare solo come qualcosa di patologico; l’Occidente tenta sì, in maniera lodevole, di aprirsi pieno di comprensione a valori esterni, ma non ama più se stesso; della sua storia vede oramai soltanto ciò che è deprecabile e distruttivo, mentre non è più…

Condividi:
Leggi

I social media? È tempo di disciplinarli

Si dice che Madame Roland, una nobildonna francese condannata alla ghigliottina dai rivoluzionari del 1793, passando davanti a una statua della libertà abbia esclamato: «Libertà, quanti delitti si compiono nel tuo nome!». Vera o meno che sia l’affermazione ha una sua importanza e aiuta a qualche riflessione. È evidente che le parole possono essere usate a piacimento – soprattutto da chi sta al potere – e assumere un significato diverso da quello comune. La libertà dei rivoluzionari settecenteschi si muta presto in arbitrio e in un esercizio del potere ben…

Condividi:
Leggi

Sulla strada di Abramo

Nei primi giorni del prossimo mese di marzo Papa Francesco sarà in Iraq. Il viaggio rappresenta un evento eccezionale innanzitutto sul piano religioso. Il moderno Iraq, infatti, occupa parte di quella mezzaluna fertile che, più di un paio di millenni fa, ha visto il sorgere e prosperare di grandi civiltà (Sumeri , Assiri, Babilonesi ma anche fenici e persiani invasori) sempre in lotta fra loro per contendersi un territorio particolarmente favorito dalle condizioni climatiche e ambientali. Popoli con loro costumi, tradizioni, culture e divinità alle quali sacrificare. E’ in questa terra…

Condividi:
Leggi

Sulla strada di Abramo

Nei primi giorni del prossimo mese di marzo Papa Francesco sarà in Iraq. Il viaggio rappresenta un evento eccezionale innanzitutto sul piano religioso. Il moderno Iraq, infatti, occupa parte di quella mezzaluna fertile che, più di un paio di millenni fa, ha visto il sorgere e prosperare di grandi civiltà (Sumeri , Assiri, Babilonesi ma anche fenici e persiani invasori) sempre in lotta fra loro per contendersi un territorio particolarmente favorito dalle condizioni climatiche e ambientali. Popoli con loro costumi, tradizioni, culture e divinità alle quali sacrificare. E’ in questa terra…

Condividi:
Leggi

Quelle domande di senso prive di risposta

Ho iniziato a leggere la monumentale biografia di Joseph Ratzinger/Benedetto XVI scritta da Peter Seewald (“Una vita”, Garzanti, milleduecento pagine); seguendo il percorso verso il sacerdozio del giovane Joseph, giunto agli anni del dopoguerra e alla sua ripresa degli studi prima a Frisinga e poi a Monaco, sono rimasto colpito dalla descrizione della rovina in cui si trovava la Germania alla fine della guerra e di conseguenza alle difficili condizioni in cui dovevano svolgersi gli studi di Ratzinger e dei suoi compagni. Un paese distrutto, occupato e governato dalle potenze…

Condividi:
Leggi

Anche quest’anno è Natale, un fatto vero

C’è un’opera letteraria che mi accompagna da quando la incontrai per la prima volta, ai tempi del liceo: ”Assassinio nella cattedrale” di Thomas Stearns Eliot. L’autore riproduce nella forma della tragedia greca il conflitto – così ricorrente nella storia – tra Cesare e Dio, tra il potere del re e il ruolo del vescovo, in questo caso rappresentati dal re d’Inghilterra Enrico II e dall’arcivescovo di Canterbury Thomas Becket. Ogni volta che il Natale si avvicina mi torna alla mente questo testo in particolare perché contiene – a mo’ di…

Condividi:
Leggi

I vincoli etici ci sono anche per l’Europa

La costruzione dell’Unione Europea (iniziata con lungimiranza con i trattati di Roma del lontano 1957) si è sviluppata nel corso degli anni tra alti e bassi, oscillando tra le posizioni di chi si accontentava di un mercato unico allargato e chi desiderava invece un’Europa politicamente unificata. In ogni caso quando si posero i primi problemi di un allargamento, era per tutti chiaro che si dovessero accettare solo Paesi in cui fosse presente lo stato di diritto e gli strumenti per la realizzazione di una democrazia compiuta. Per questo furono accolti…

Condividi:
Leggi

Amare la realtà per amare la verità

“Molto ragionamento e poca osservazione, conducono all’errore. Molta osservazione e poco ragionamento conducono alla verità”. Questa affermazione di Alexis Carrell, medico Premio Nobel nel 1908, non è applicabile solo alla scienza di cui è stato maestro, ma rappresenta un criterio utile per leggere gli eventi del tempo che stiamo attraversando. Se avessero utilizzato questo criterio gli analisti ei sondaggisti non avrebbero fatto le figuracce che sono sotto gli occhi di tutti nelle previsioni sulle elezioni presidenziali americane. È quello che succede quando all’osservazione della realtà si sostituiscono i propri desideri…

Condividi:
Leggi