Frena nel 2023 il PIL lombardo: solo +0,3% dopo il +3,9% nel 2022

Il “passo” della manifattura lombarda, pur dimostrando maggiore vitalità rispetto all’Italia nel complesso, continua a perdere tono con l’arrivo dell’autunno. È questo uno dei principali spunti offerti dal Booklet Economia di novembre realizzato da Assolombarda. Il documento, curato dal Centro Studi dell’Associazione, mette in luce il livello di incertezza che frena le prospettive del tessuto economico della regione. Chiarisce, infine, anche le ridotte previsioni legate al PIL per il 2023 (+0,3%). “Il rallentamento legato al PIL è dovuto alle tensioni che hanno a che fare con l’aumento del costo delle…

Condividi:
Leggi

La crescita del PIL lombardo si riduce al +2,6% per il 2022

Si riducono le previsioni di crescita del PIL lombardo, che nel 2022 vede un taglio di 1,4 punti percentuali: dal +4% atteso a inizio anno al 2,6% dell’ultimo scenario. Nonostante questa importante revisione al ribasso, la Lombardia dovrebbe comunque riuscire a colmare il divario con il pre Covid entro quest’anno, in anticipo rispetto all’Italia che posticipa al 2023. Sono queste alcune delle evidenze riportate nel Booklet economia a cura del Centro Studi di Assolombarda. “Il quadro economico lombardo – ha affermato Alessandro Spada, Presidente di Assolombarda – è fortemente influenzato…

Condividi:
Leggi

Assolombarda il conflitto allontana il recupero del PIL lombardo e la ripresa del mercato del lavoro

Il conflitto Russia-Ucraina sta compromettendo duramente il quadro di recupero della Lombardia, considerato che a fine 2021 il PIL era ancora sotto del -2,9% rispetto al 2019, e si inserisce dopo un 2021 di forte rimbalzo (+6,6%). Le conseguenze del conflitto stanno influendo pesantemente sugli scambi commerciali con i Paesi interessati, determinando un nuovo shock sui prezzi delle materie prime energetiche e non, alimentano l’incertezza per imprese e famiglie, nonché resta aperto il contagio finanziario. Prima dell’inizio della guerra, le stime per il 2022 delineavano un tasso di crescita del…

Condividi:
Leggi

Che farsene del cristianesimo?

«Se si volesse parlare chiaro, si dovrebbe cominciare a dire, per prima cosa, che il mondo attuale, o meglio l’Occidente, cioè le nostre società e il nostro modo di vivere e di pensare, la nostra economia tecnologia e politica, non sanno che farsene del cristianesimo». Parole dure che aprivano un articolo di Alfonso Berardinelli sulla prima pagina de “Il Foglio” di sabato scorso dedicato a recensire un ennesimo libro sul rapporto tra cristianesimo e modernità. Un’affermazione così perentoria che ne richiama una di Dostoevskij: «Un uomo colto, un europeo dei…

Condividi:
Leggi

La Ode torna in mani italiane

La Ode di Esino Lario, con 80 milioni di fatturato, torna in mani italiane. Era stata venduta al Gruppo cinese Defond nel 2004, ma ora, grazie all’acquisizione da parte di un’altra azienda italiana, la Ceme di Trivolzio (Pavia), specializzata nella produzione di valvole e pompe, ridiventa un’eccellenza che aiuta la crescita del Pil italiano.  Dal 1960 Ode S.r.l. (Officine di Esino Lario) progetta e produce linee complete di elettrovalvole per il mercato dei costruttori di macchine ed impianti ed è in grado di offrire soluzioni personalizzate di elevata qualità, adattabilità, affidabilità dei propri prodotti. In oltre 60 anni di attività l’azienda lecchese ha saputo sviluppare nuovi…

Condividi:
Leggi