Dieta del Nessuno

di Claudio Fragiacomo In un recente convegno, organizzato dal Consiglio Regionale del Veneto, dall’intrigante titolo “L’autonomia delle Terre Venete, uno sguardo tra passato e presente: a centosessant’anni dalla Dieta del Nessuno” si affronta il concetto di autonomia e, facendo riferimento agli accadimenti in Istria, si menziona la quasi sconosciuta (alla storiografia italiana) Dieta del Nessuno. Dieta (ci ricordiamo dalla scuola della Dieta di Roncaglia e di quella di Worms) sta per assemblea, riunione di delegati, nell’accezione sinonimo di Parlamento. La “Dieta del Nessuno” è l’assemblea che è stata convocata a…

Condividi:
Leggi

l dramma delle popolazioni del Litorale Adriatico durante la Grande Guerra

Tema dell’incontro di  giovedì 8 Aprile, tenuto alle ore 17.30  sul tema “Il dramma sconosciuto delle popolazioni del Litorale Adriatico durante la Grande Guerra) relatore Claudio Giraldi, riportiamo qui di seguito resoconto dell’incontro trasmesso in diretta alla pagina facebook dell’Associazione (https://www.facebook.com/groups/2559430654128300). di Claudio Giraldi  La Prima guerra mondiale fu un grande fenomeno di massa, non solo per le dimensioni continentali, per il numero di soldati mobilitati, per lo sviluppo della produzione industriale, ma anche per il massiccio coinvolgimento dei civili. Da tutti i fronti di guerra, milioni di persone dovettero abbandonare le…

Condividi:
Leggi

Arsia dimenticata

Si è svolta  giovedì 11 Marzo, alle ore 17.00, il consueto incontro settimanale dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia sede Milano in diretta facebook,  alla pagina dell’associazione https://www.facebook.com/groups/2559430654128300. Tema dell’incontro è “La tragedia della miniera di Arsia” relatore Anna Maria Crasti. Riportiamo qui di seguito testo integrale dell’incontro arricchito di un  saggio scritto e letto da Anna Maria Crasti nel corso della diretta. Inoltre il contributo dell’Ing. Franco Rodizza, che ha parlato a braccio sul progetto della cittadina di Arsia e di alcune sue esperienze personali in allegato pdf. di Anna Maria…

Condividi:
Leggi

Marzo 1848 una speranza per l’istria

Proponiamo un contributo di Claudio Fragiacomo, consigliere dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia di Milano (Anvgd) sul tema i moti del “Marzo 1848”. di Claudio Fragiacomo. Dopo alcuni decenni di tetro, odioso governo austriaco, che faceva ammettere al Conte Stadion, governatore di Trieste e del Litorale, in un suo rapporto a Vienna, che nessuno dei consiglieri del governo della città…” neanche con un giro alla sfuggita per il paese, si è mai dato cura di rilevare ed esaminare da sé i luoghi, le relazioni, i mezzi” e che inoltre tutti i consiglieri… “senza eccezione,…

Condividi:
Leggi

Gli Italiani d’oltre adriatico, ieri e oggi

Giovedì 25 Febbraio, alle ore 17.00 si è svolto in diretta facebook alla pagina dell’ ‘Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (Anvgd) di Milano, l’incontro sul tema “Italiani d’oltre Adriatico ieri e oggi” relatore la signora Anna Maria Crasti e il signor Bruno Cergnul di Pola. Riportiamo qui di seguito testo integraledell’evento tenuto dalla signora Anna Maria Crasti. di Anna Maria Crasti. «Prima di iniziare una doverosa premessa, i rimasti dell’Istria, di Fiume e soprattutto di Zara sono divenuti, fin dall’inizio dell’Esodo, una minoranza, che si è andata sempre più…

Condividi:
Leggi

Il contributo dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia per il Giorno del Ricordo 2021

Purtroppo l’attuale pandemia e le limitazioni che ne derivano non hanno consentito ai nostri dirigenti e ricercatori di svolgere la consueta attività di divulgazione e testimonianza, ma ci siamo attrezzati per essere presenti a fianco di chi vorrà celebrare anche al di là del 10 Febbraio le tematiche che sono al centro del Giorno del Ricordo in maniera doverosa e decorosa, anche per fronteggiare negazionisti, giustificazionisti e riduzionisti delle tragedie del confine orientale, i quali, purtroppo, ancora oggi nel 2021, non hanno perso occasione per far sentire la loro voce.…

Condividi:
Leggi

Foibe, il vero volto del comunismo titino

Resoconto dell’incontro svolto all’Angvd, sede di Milano, giovedì 21 Gennaio, alle ore 17.00., in diretta via facebook alla pagina dell’Associazione https://www.facebook.com/groups/2559430654128300,  l’incontro trattava il tema  “Le altre foibe, dalla Slovenia la mappa dell’orrore, il vero volto del comunismo titino fuori dai luoghi comuni” relatore Claudio Giraldi. di Claudio Giraldi  La recente scoperta, in Slovenia, nella zona dell’altopiano carsico di Kočevski rog, di una foiba, contenente i resti di 250 persone trucidate ed infoibate, ha riacceso i riflettori su una drammatica pagina di storia, come tante altre purtroppo, sconosciuta ai più. Se il…

Condividi:
Leggi

Gennaio 1945 la battaglia di Tarnova della Selva

Annamaria Crasti responsabile Anvgd di Milano (Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia) per i rapporti con le scuole, nell’articolo qui sotto, che ringraziamo per la gentile concessione, descrive i fatti salienti che caratterizzarono la battaglia di Tarnova, scontri che si verificarono tra il 19 ed il 21 Gennaio 1945 a Tarnova della Selva all’epoca provincia di Gorizia ora parte della Slovenia. Dalla metà di Gennaio del 1944 la X Flottiglia MAS era presente a Gorizia, dove gli sloveni collaboravano con i Tedeschi. La X MAS era un unità speciale della Regia…

Condividi:
Leggi

Quelli della San Giorgio: oltre il mito

Nella notte tra il 21 e il 22 Gennaio 1941, nella baia di Tobruk, un gruppo di marinai dell’incrociatore messo a difesa antiaerea della città libica, affondava la propria nave perché non cadesse nelle mani degli inglesi. Sono trascorsi ottant’anni da quella notte del 22 Gennaio 1941 quando i trenta ufficiali e i 669 tra sottufficiali e marinai dell’incrociatore corazzato San Giorgio, nave da battaglia di 1ª classe della Regia Marina Italiana, cadevano prigionieri degli inglesi che avevano conquistato, via terra, la città di Tobruk. In realtà un gruppetto di…

Condividi:
Leggi

Tarnova nella Selva, Baluardo a difesa d’Italia: due fratelli a confronto

Giovedi 14 Gennaio alle ore 17, in diretta facebook alla pagina dell’Associaizone https://www.facebook.com/groups/2559430654128300,  si è svolta la nuova conferenza che ha avuto  come tema “Tarnova nella Selva, baluardo alla difesa d’Italia. Due fratelli a confronto”, relatore il giornalista Valentino Quintana. Qui di seguito un breve resoconto a cura del realtore. «Taluni eventi bellici, riguardanti l’ultima guerra mondiale, hanno anche determinato i destini di molte famiglie, caratterizzandone in maniera profonda l’esistenza dei protagonisti, in particolare Giorgio e Mattia Gherdovich, personaggi letterari nati dalle pagine dei romanzi storici “Fratelli Contro” ed “Il Confine…

Condividi:
Leggi

Fiume cento anni fa

Fiume, la sera della vigilia di Natale del 1920,  inizia il cannoneggiamento della città dalle navi, durerà cinque giorni causando la morte di 53 soldati, tra cui 25 Legionari e moltissimi feriti. Sono trascorsi cento anni da quel giorno, l’associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, giovedì 17 Dicembre, alle ore 17.00 in diretta facebook alla pagina dell’associazione https://www.facebook.com/groups/2559430654128300  discuterà  sul tema “Natale di sangue 1920 La fine di un’utopia”, relatrice Annamaria Crasti. “Nella giornata del 20 dicembre 1920 iniziava l’assedio di Fiume da parte del Regio Esercito e, a conclusione, alcuni…

Condividi:
Leggi

Ruolo del partito Comunista Italiano e la questione Venezia Giulia

Mercoledì 9 Dicembre alle ore 17, in diretta facebook, si è svolto un nuovo incontro dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia sulle tormentate vicende del confine orientale italiano. Relatore Claudio Giraldi che ha affrontato il tema “Ruolo del partito Comunista Italiano e la questione Venezia Giulia”  di Claudio Giraldi Ancora disorientati dalle ripercussioni politiche del Patto Ribbentrop Molotov (tra la Germania nazista e l’Unione Sovietica) sia i comunisti slavi che quelli italiani mantennero un profilo basso sulle questioni militari relative all’occupazione della Jugoslavia. Tutto cambiò dopo la dichiarazione di guerra della…

Condividi:
Leggi

L’Italia e l’ infausto Trattato di Pace del 1947 e il referendum mancato

Resococonto della diretta facebook alla pagina https://www.facebook.com/groups/2559430654128300 dell’associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, si terrà giovedì 26 Novembre, alle ore 17.00 l’incontro che avrà per tema “L’infausto Trattato di Pace del 10 Febbraio 1947 e il referendum mancato” relatore Claudio Giraldi.  di Claudio Giraldi «È stato detto, non senza ragione, che l’Italia è sempre bravissima nel fare gli interessi degli altri, ma nella circostanza del trattato di pace diede il meglio di se stessa. Ed è proprio ripercorrendo la storia di quasi due anni di trattative, che scopriremo come una serie infinita di errori,…

Condividi:
Leggi

Non solo Trieste. Il dramma dell’occupazione slava di tutta la Venezia Giulia

Non solo Trieste, il dramma dell’occupazione slava di tutta la venezia giulia è il tema affrontato dalla relatrice Annamaria Crasti giovedì 19 Novembre in diretta facebook alla pagina dell’Anvgd (Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia),  Qui di seguito i punti toccati nel corso dell’ incontro.  di Annamaria Crasti  «24 Settembre 1945 – Intanto ci giunge dall’Istria il grido angoscioso di tutti gli istriani oppressi e di giorno in giorno le file dei profughi si ingrossano. AntecedentiE’ noto, che dopo l’Armistizio dell’8 settembre la Venezia Giulia è stata occupata nel giro di…

Condividi:
Leggi

Storia dei cosacchi in Carnia e Alto Friuli

L’occupazione dei cosacchi in Carnia e nell’Alto Friuli” il tema affrontato giovedì 12 Novembre all’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia,   riguarda l’occupazione della Carnia e zone dell’alto Friuli da parte dei cosacchi negli ultimi nove mesi della seconda guerra mondiale, relatore dell’incontro Claudio Giraldi. di Claudio Giraldi Fra l’ottobre del 1944 e l’aprile del 1945 decine di migliaia di cosacchi e di caucasici, trasportati dalla Russia e dall’Europa orientale, vennero a insediarsi nell’Alto Friuli e nella Carnia, spesso con una difficile convivenza con le popolazioni locali. Erano stati mandati dai tedeschi…

Condividi:
Leggi

Zara, 2 Novembre 1943 l’inizio della distruzione

Elisabetta Barich Generale Associazione Dalmati Italiani nel Mondo-Libero Comune di Zara in esilio, è orgogliosa delle sue origine zaratine, terra di origine della sua famiglia. In questo articolo racconta la tragica sorte che toccò alla città di Zara dal 1943 al 1944, quando la città di Zara pur non essendo un obiettivo militare fu oggetto di ben 54 bombardamenti che rasero al suolo la città e uccisero migliaia di civili di Elisabetta Barich.   E’ il 2 Novembre 1943, in tutta Europa infuria la guerra, nel cielo sopra Zara gli abitanti…

Condividi:
Leggi

Norma Cossetto il valore di un’istriana

di Annamaria Crasti Norma Cossetto (Visinada 17 Maggio 1920 – Antignana 5 Ottobre 1943) era una giovane studentessa italiana, che viveva nel Comune di Visignano, frequentava l’Università di Padova iscritta alla Facoltà di Lettere e Filosofia prossima alla tesi di laurea. Apparteneva ad una famiglia di proprietari terrieri che contribuirono allo sviluppo della cittadina. Il padre divenne Podestà di Visinada ed esponente del Partito Nazionale Fascista. Dall’8 Settembre 1943, dopo l’annuncio dell’armistizio del maresciallo Badoglio, in Istria nasce la prima ondata di pulizia etnica da parte dei partigiani comunisti di Tito,…

Condividi:
Leggi

Dal dramma delle Foibe ai centri di raccolta

Profughi d’Italia 1943-1955 dal dramma delle Foibe ai centri di raccolta” è il primo degli incontri settimanali dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (ANVGD), che ha avuto inizio ,venerdì 25 Settembre, alle ore 17.00 presso la sede di Milano dell’associazione e in diretta via Facebook sulla pagina dell’associazione.  L’incontro tenuto dall’esule istriana Annamaria Crasti è un meticoloso racconto della la quotidianeità dei profughi all’interno dei campi, ed offrirà spunti di riflessione su una storia ancora poco consociuta. «Oggi abbiamo ancora una bella casa spaziosa ariosa dotata di tutti i confort…

Condividi:
Leggi

Una storia poco e mal raccontata: l’Istria dopo l’8 Settembre 1943

Annamaria Crasti, esule istriana, riassume con particolari inediti e personali i tragici fatti di cui fu testimone nei giorni immediatamente successivi al “proclama Badoglio” (8 Settembre 1943) e che costò la vita a tanti innocenti “colpevoli” esclusivamente di essere italiani e di vivere nelle terre orientali del Paese. Oggi, all’età di 79 anni, vive a Milano dove l’abbiamo incontrata. Il Maresciallo Badoglio, l’8 Settembre, annuncia alla radio la resa incondizionata del Paese agli Inglesi e agli Americani. Così l’Italia orientale, Dalmazia, Istria, Fiume precipitano nel caos più totale. L’Esercito come…

Condividi:
Leggi

Vergarolla, 18 Agosto, una strage dimenticata

Annamaria Crasti, responsabile Anvgd (Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia) di Milano per i rapporti con le scuole, è un’ esule istriana che ha trascorso parte della sua fanciullezza ad Orsera d’Istria, nel territorio di Pola, oggi parte della Croazia. Nell’articolo riportato qui di seguito, ricorda uno dei tragici eventi che portarono ad un’ accelerazione dell’esodo Giuliano Dalmata, la strage di Vergarolla, che provocò 65 vittime accertate e della quale ancora oggi non si conoscono i mandanti. Erano le 14.15 del 18 Agosto 1946 quando un assordante boato investì migliaia…

Condividi:
Leggi