Ignoti compiono un gesto di sensibilità al cippo delle foibe a Turate

Pubblichiamo articolo di Lorenzo Salimbeni, Anvgd (Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia) di Trieste, che ringraziamo per la gentile concessionesul gesto relativo al cippo delle foibe a Turate Troppo spesso abbiamo avuto notizia di danneggiamenti o vandalismi che hanno riguardato lapidi e monumenti che commemorano i martiri delle foibe e le sofferenze dell’esodo giuliano-dalmata. Uno di questi incresciosi episodi ha riguardato, nei giorni immediatamente successivi al 25 aprile 2020, la targa del cippo che il Comune di Turate (provincia di Como) aveva dedicato “A perpetua memoria dei martiri delle foibe…

Condividi:
Leggi

Le foibe e l’esodo tra storia e cronaca

Il professore Antonio Orecchia, docente dell’Università Insubria di Varese, giovedì 12 Maggio, alle ore 18.00, presenterà all’incontro settimanale dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (Anvgd) Comitato di Milano il libro “Le foibe e l’esodo tra storia e cronaca”. L’incontro è possibile seguirlo alla pagina facebook dell’associazione al seguente indirizzo https://www.facebook.com/groups/2559430654128300.

Condividi:
Leggi

Era il primo maggio 1945 l’inizio della fine della Venezia Giulia

Proponiamo e pubblichiamo articolo di Lorenzo Salimbeni, responsabile comunicazione Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, che ringraziamo per la gentile concessione, relativo al primo Maggio 1945 nelle terre del confine orientale, che segnò un periodo di sequestri, esecuzioni sommarie e uccisioni. La stima delle vittime, come riporta l’articolo, raggiunse la  cifra di 10.000 persone. Dopo il 25 aprile 1945 raggiunse il culmine quella che gli storici hanno poi chiamato la corsa per Trieste. Da una parte le truppe angloamericane inseguivano i tedeschi in ritirata e volevano il capoluogo giuliano per…

Condividi:
Leggi

Sesto Calende la tragedia del confine Orientale rivive in “Urla dalle Foibe”

Sabato 12 Febbraio alle 11:00, in occasione della celebrazione del “Giorno del Ricordo”, il Comune di Sesto Calende organizzerà un momento di riflessione con la lettura teatrale Urla dalle Foibe a cura dell’attrice Lisa Ferrari. I testi sono liberamente tratti dal libro di Guido Rumici Infoibati (1943-1945) i nomi, i luoghi, itestimoni e i documenti. L’introduzione è affidata allo scrivente, goriziano e presidente de “Gli amici triestini” di Milano. Dal 2014 collaboro con il Comune di Sesto Calende per l’organizzazione e la diffusione del Giorno del Ricordo. E’ obbligatorio prenotarsi…

Condividi:
Leggi

Il 10 Febbraio a Borsano la commemorazione delle vittime delle Foibe

Busto Arsizio non dimentica le vittime delle foibe e la tragedia dell’esodo di oltre 250.000 italiani dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia. Come sempre, le iniziative del Giorno del Ricordo, che ricorre giovedì 10 febbraio, si svolgeranno a Borsano, quartiere che accolse gli esuli, in collaborazione con la parrocchia SS. Pietro e Paolo. Alle ore 9.30 si terrà una breve commemorazione davanti alla statua di san Biagio che si trova nella piazzetta intitolata a don Emerico Ceci, sacerdote, educatore, storico di origini istriane che si prodigò per gli sfollati. Alle…

Condividi:
Leggi

La questione di Trieste

Tema della conferenza di giovedì 18 Novembre all’Anvgd Comitato di Milano “La questione di Trieste” relatore il prof. Raoul Pupo professore di Storia contemporanea all’Università degli Studi di Trieste, tra i massimi conoscitori dell’Esodo giuliano-dalmata e dei massacri delle foibe. Pubblichiamo una breve sintesi dell’incontro ad opera di Claudio Fragiacomo che ringraziamo per la gentile concessione.  di Claudio Fragiacomo. «Invitare il Prof. Pupo a parlare di un argomento attinente alla storia del Confine Orientale significa rivolgersi ad uno dei massimi esperti della materia. Ma non sempre il “luminare” è in grado…

Condividi:
Leggi

Tradate una messa in ricordo dei martiri delle Foibe

Si è svolta ieri sera, mercoledì 10 Febbraio, alle ore 18,30, la santa Messa in ricordo dei martiri delle foibe, celebrata dal prevosto e neo-decano don Gianni Cazzaniga, presso la chiesa prepositurale di S. Stefano di Tradate. Presenti la rappresentanza del Consiglio Comunale con il sindaco Giuseppe Bascialla, le Autorità e rappresentanze delle Associazioni d’Arma. Don Gianni, durante l’omelia, ha sottolineato “come di fronte a quella terribile esperienza che ha visto patire sofferenze indicibili ed ha provocato tante tanti morti non solo tra la popolazione civile, ma anche molti sacerdoti, è…

Condividi:
Leggi

Foibe, il vero volto del comunismo titino

Resoconto dell’incontro svolto all’Angvd, sede di Milano, giovedì 21 Gennaio, alle ore 17.00., in diretta via facebook alla pagina dell’Associazione https://www.facebook.com/groups/2559430654128300,  l’incontro trattava il tema  “Le altre foibe, dalla Slovenia la mappa dell’orrore, il vero volto del comunismo titino fuori dai luoghi comuni” relatore Claudio Giraldi. di Claudio Giraldi  La recente scoperta, in Slovenia, nella zona dell’altopiano carsico di Kočevski rog, di una foiba, contenente i resti di 250 persone trucidate ed infoibate, ha riacceso i riflettori su una drammatica pagina di storia, come tante altre purtroppo, sconosciuta ai più. Se il…

Condividi:
Leggi

Le altre foibe dalla Slovenia la mappa dell’orrore

All’Angvd, sede di Milano, giovedì 21 Gennaio, alle ore 17.00 ed in diretta via facebook alla pagina dell’Associazione  https://www.facebook.com/groups/2559430654128300, si svolgerà un nuovo incontro dal titolo “Le altre foibe, dalla Slovenia la mappa dell’orrore, il vero volto del comunismo titino fuori dai luoghi comuni” relatore Claudio Giraldi. crediti Antonio Socci

Condividi:
Leggi

Foibe: io, figlia di un esule, non le ho mai ignorate

La legge 92 del 30 Marzo 2004 fissa il 10 Febbraio (firma dei trattati di pace di Parigi 10 Febbraio 1947) Giorno del Ricordo una ricorrenza nazionale. Da quel giorno venivano assegnati alla Jugoslavia l’Istria, il Quarnaro, la città di Zara considerati fino a quel momento territori italiani. Furono 350 mila i fiumani, gli istriani e i dalmati che dal 1945 in poi si riversarono in Italia ed ancora oggi non è ben definito il numero di chi finì nelle foibe, tombe senza nome. Migliaia di insegnanti, di sacerdoti, di…

Condividi:
Leggi