Trieste, primo Maggio di 76 anni fa

Riportiamo in poche righe il ricordo di un esule istriana Annamaria Crasti, racconta la giornata del primo Maggio di 76 anni fa, quando Tito entrò a Trieste e iniziò una politica di deportazioni, stragi in tutta la Venezia Giulia. «All’alba del primo Maggio1945, ben 76 anni fa, arrivavano a Trieste, scendendo per via Fabio Severo ,i primi carri armati jugoslavi. I titini arrivavano a ondate nel capoluogo triestino. I primi con divise in ordine ma ben armati. Gli ultimi, tra le sghignazzate degli americani, su carri tipo Far West, tra…

Condividi:
Leggi

Domenica 25 Aprile nuova sfida per Openjob Metis Varese

Una cerca di mettere in cascina il fieno della salvezza, l’altra quello della conquista della zona playoff. Openjob Metis Varese e Allianz Pallacanestro Trieste hanno motivi opposti ma uguale determinazione nel cercare di fare il botto nella sfida valevole per la penultima giornata di regular season in programma all’ “Enerxenia Arena” di Masnago domenica 25 Aprile alle 20.30. Ambedue le compagini vi giungono con un buon rinfresco di fiducia. La Openjob Metis è reduce da un’impresa ovvero la vittoria conquistata sul parquet di una Universo Treviso che non perdeva da…

Condividi:
Leggi

La Dc è morta, non i suoi valori

Con quell’acume che non si può non riconoscergli, Giulio Boscagli, nell’editoriale di venerdì 9 Aprile su Resegoneonline, ha spiegato come la storia della Democrazia cristiana sia definitivamente chiusa con l’avvento di Enrico Letta alla segreteria del Pd. Boscagli, quando affronta ragionamenti di politica, oltre che misurato nell’esposizione come è nel suo stile, parla con cognizione di causa perché si basa sulla propria lunga esperienza, oltre che sulla conoscenza dei fatti (molti vissuti in prima persona). «Con la nomina di Enrico Letta, un tempo giovane enfant prodige della Democrazia cristiana», è…

Condividi:
Leggi

Progetto “Dante Adriaticus” per riscoprire l’italianità adriatica

Dante aveva concepito un’Italia  come una regione in cui si parlava una medesima lingua, osservata nella varietà dei suoi dialetti nel De vulgari eloquentia, in cui si fa menzione anche dell’istrioto. Un’Italia concepita nella Divina Commedia “com’a Pola presso del Carnaro, ch’Italia chiude e suoi termini bagna”, con riferimento alla necropoli romana di Pola, che l’illustre poeta ebbe quasi sicuramente modo di vedere durante un soggiorno istriano. Nel periodo risorgimentale, in cui la lingua italiana rappresentava una componente fondamentale nella ricerca di un’identità ancora da perfezionare, Dante diventò icona nazionale…

Condividi:
Leggi

Pesante sconfitta per la Openjob Metis Varese

Niente da fare. Alla ripresa del suo campionato dopo un mese funestato dai casi di contagio da Covid e in formazione ampiamente rimaneggiata proprio per questa ragione, la Openjob Metis Varese incappa in una pesante sconfitta per 83-108 sul parquet del “PalaDomme” di Trieste contro un’Allianz Pallacanestro in stato di grazia. A consentire ai giuliani di coach Eugenio Dalmasson di mettere le mani sulla gara è stato soprattutto il duo Alviti-Doyle , autore di 51 dei punti complessivi del loro roster. A Varese non è invece bastato il pur generoso…

Condividi:
Leggi

Tarnova nella Selva, Baluardo a difesa d’Italia: due fratelli a confronto

Giovedi 14 Gennaio alle ore 17, in diretta facebook alla pagina dell’Associaizone https://www.facebook.com/groups/2559430654128300,  si è svolta la nuova conferenza che ha avuto  come tema “Tarnova nella Selva, baluardo alla difesa d’Italia. Due fratelli a confronto”, relatore il giornalista Valentino Quintana. Qui di seguito un breve resoconto a cura del realtore. «Taluni eventi bellici, riguardanti l’ultima guerra mondiale, hanno anche determinato i destini di molte famiglie, caratterizzandone in maniera profonda l’esistenza dei protagonisti, in particolare Giorgio e Mattia Gherdovich, personaggi letterari nati dalle pagine dei romanzi storici “Fratelli Contro” ed “Il Confine…

Condividi:
Leggi

Non solo Trieste. Il dramma dell’occupazione slava di tutta la Venezia Giulia

Non solo Trieste, il dramma dell’occupazione slava di tutta la venezia giulia è il tema affrontato dalla relatrice Annamaria Crasti giovedì 19 Novembre in diretta facebook alla pagina dell’Anvgd (Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia),  Qui di seguito i punti toccati nel corso dell’ incontro.  di Annamaria Crasti  «24 Settembre 1945 – Intanto ci giunge dall’Istria il grido angoscioso di tutti gli istriani oppressi e di giorno in giorno le file dei profughi si ingrossano. AntecedentiE’ noto, che dopo l’Armistizio dell’8 settembre la Venezia Giulia è stata occupata nel giro di…

Condividi:
Leggi

Giallo-rossi: occhio alla Primavera calda

Recriminare sugli errori fin qui fatti dal Governo non serve, dobbiamo invece allarmarci per quelli che sta per commettere. Riassumendo le dichiarazioni di alcune teste pensanti che, per nostra fortuna, ancora esistono nel nostro Paese, temiamo che non pochi ministri ignorino, o fingano d’ignorare, che l’Italia non è vicina, ma è sopra una polveriera. Il filosofo Massimo Cacciari dice che «se vogliamo evitare catastrofi sociali, ci devono essere provvedimenti di aiuto e di sostegno alle categorie più colpite che sono la metà di questo Paese. Servono interventi precisi e rapidi,…

Condividi:
Leggi