Viavai

Venite in disparte voi soli e riposatevi un po’. Bello sapere che cercava di abituarli a dosare le forze. Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare. Quando ci si mette a fare sul serio, quando si sceglie di essere operatori di misericordia non solo a parole e promesse, non solo distribuendo consigli ma aiuti reali, si entra in un “brutto giro”. Può accadere di mettere i bisogni altrui prima dei propri, si può giungere a perdere sonno, soldi e qualche pasto.…

Condividi:
Leggi

Direzione

A motivo del giuramento e dei commensali il re non volle rifiutare la richiesta della fanciulla….. A motivo del giuramento e dei commensali il re non volle rifiutare la richiesta della fanciulla, e fece decapitare Giovanni. Che ammirevole coerenza! Ecco cosa succede quando chi non ha morale vuole apparire uomo di saldi princìpi. Il giuramento di un uomo vuoto può forse avere un contenuto? È il nulla sul nulla. Eppure è pieno il mondo di gente così. Ricordo un uomo che, uscito dal carcere dopo anni, vi rientrò dopo una…

Condividi:
Leggi

Beatitudini

Un testo difficile, quello delle beatitudini. Parole che vanno lasciate nel vangelo perché, se estratte e isolate, possono portare lontano. Non sono un inno alla miseria, una visione masochista della vita, quasi che più si soffre meglio si sta. Parole quindi che vanno ascoltate come le ascoltarono i discepoli la prima volta: avvicinandosi a Gesù. Sono una sua confidenza, la confidenza della sua personale esperienza di vita. Lui aveva sperimentato la beatitudine nelle difficoltà più forti e per questo poteva dire beati voi che.. per saperne di più… https://lalocandadellaparola.com/2023/01/29/beatitudini/

Condividi:
Leggi

Dormire

Lo presero in barca così com’era ed evidentemente era stanco, stanchissimo, tanto che si addormentò a poppa sul cuscino. Anche Matteo e Luca lo narrano ed è l’unica volta in cui si racconta una cosa simile: Gesù crolla di sonno. Nemmeno la tempesta lo sveglia: lui dorme sul cuscino. Lo svegliano urlando, lo accusano di infischiarsene: non ti importa? Gli importa eccome, ci tiene alla pelle, tant’è che sgrida il mare e il vento e li placa. Sarà poi tornato a dormire come chi, spenta la sveglia, si gira dall’altra…

Condividi:
Leggi

Accadrà

Quale migliore descrizione della preghiera? Cos’è infatti pregare se non gettare un seme e poi andare via? Con cura prepari il terreno, con attenzione vi poni il seme, poi non devi che abbandonarlo, là nascosto sotto terra. Lo lasci perché sai, perché credi, perché sei certo che accadrà. Accadrà cioè che il seme germoglierà, uscirà dalla terra e tu lo vedrai. Come, tu stesso non lo sai. Ma sai che accadrà. È questa fede, questa certezza, che ti fa nascondere nel cuore di Dio la tua preghiera. È questa fede…

Condividi:
Leggi

Galilea delle genti

Iniziò tutto da una terra di confine e di sconfinamenti tra popoli, culture e credenze religiose. Gesù iniziò in Galilea, al confine Nord. Non nascose mai la sua intenzione, la sua identità: essere il Messia di Israele e delle genti. Genti, gentili, termini che troviamo spesso del nuovo testamento: ethnikos. Cioè tutti coloro che non sono ebrei. A loro sarebbe giunto lo stesso messaggio, a loro sarebbe stata data la stessa possibilità di Israele. Tutte le genti, di qualunque etnìa, avrebbero potuto andare dietro al Messia di Israele.. per saperne di più ascolta e leggi…

Condividi:
Leggi

Presente

Qui è scritto che era entrato in una casa, e i suoi dicevano che era fuori di sé. C’era così tanta gente da non poter neppure mangiare. Ed anche per questo dicevano è fuori di sé. Ma dove sta il nesso? Che c’entra la follia con il non aver tempo di mangiare? Cosa vedevano in lui di così fuori? E lui, Gesù, come si sarà sentito? Fuori di sé o in sé? Siamo tutti alla ricerca di evasioni, distrazioni e divertimento. Tutti termini che hanno a che fare con l’andare…

Condividi:
Leggi

Ripetendo e ripostando

Dunque, leggendo bene, li inviò a predicare ma le loro prediche non erano quello che immaginiamo. Le prediche dei Dodici apostoli avevano il potere di scacciare i demoni. Che sarà mai questo predicare con il potere? Con parole potenti, efficaci, con parole che fanno quello che dicono. Con parole che allontanano il male, i demoni dei pensieri cattivi, dei vizi capitali, dei mali oscuri dell’inconscio. Un predicare che dunque è medicinale, guaritore, trasmettitore di forza. Prima di predicare essi stavano con lui. Diversamente, le loro prediche, le nostre prediche, le nostre belle parole, di tutti noi, sarebbero appunto solo…

Condividi:
Leggi

Io, Benedetto XVI e l’autodemolizione dell’Occidente

L’ Osservatorio Internazionale Card. Van Thuan, pubblica un’ampia intervista a Marcello Pera,  dal titolo “Io, Benedetto e l’autodistruzione dell’Occidente”.  In essa, tra l’altro, Pera afferma che ai tempi dei suoi colloqui con Benedetto XVI esistevano già due Chiese, che la bomba ad orologeria del Vaticano II era scoppiata, che i secolarismi stanno vincendo con la complicità della Chiesa, che l’Occidente così come è oggi è perduto, che i Pontefici preconciliari furono profetici, che bisogna frenare e invertire l’autodemolizione dell’Occidente. Ringraziamo l’Osservatorio Internazionale Cardinale Van Thuan per la gentile concessione. a cura…

Condividi:
Leggi

Non lo conoscevo

Lo ripete due volte, Giovanni Battista: non lo conoscevo. Il giorno prima l’aveva detto agli scribi dei farisei: voi non lo conoscete, sta in mezzo a voi uno che voi non conoscete. E tu lo conosci, conosci Gesù? Nella Bibbia, persino sapere il nome di qualcuno è cosa sacra, perché significa conoscerne l’identità profonda. Per questo nessuno conosce il nome di Dio. E noi, non potremo mai dire di conoscere Gesù. Solo lo Spirito ci può rivelare Gesù di Nazareth, illuminarci su aspetti della sua persona e parole del suo vangelo che ancora non avevamo…

Condividi:
Leggi

Come dividi?

Che bello se in tutte le chiese, le antiche absidi, i mosaici, gli affreschi, i disegni dei catechismi, ovunque insomma, Gesù fosse raffigurato così: un medico. Invece è sempre in trono, sempre re o giudice. Tutto vero, s’intende, lui stesso nel vangelo parla del giudizio finale compiuto dal re. Ma ciò che non dobbiamo scordare è su cosa verte questo giudizio. I dannati e i beati sono divisi con un criterio chiaro: chi si è preso cura del prossimo e chi solo di sé stesso. Chi è stato medico e…

Condividi:
Leggi

In quei momenti

A volte ci si rende conto troppo tardi dei propri mali, quando ormai non c’è mossa che li possa risolvere. Come paralizzati, non resta che soffrire rassegnati. È in quei momenti che giungono gli amici, se ne abbiamo e se sono veri amici. Perché è quando sei pesante che si vede chi ha davvero voglia di portarti in spalla, di darti ascolto, di infonderti speranza. Gli altri, stanne certo, saranno occupati, irraggiungibili, assenti. L’amico ti sorregge quando sei un peso morto, incapace di credere, incapace di ringraziare. Crede per te,…

Condividi:
Leggi

Battesimo di Gesù

Eccolo adulto, consapevole. Ecco che sceglie di vivere immerso (=battezzato) nell’umanità e nella luce dello Spirito. E noi che viviamo immersi in mille pensieri, in un mare di problemi, noi che affoghiamo nelle paure e nelle fatiche, ci ricordiamo del nostro battesimo? Di più: ce ne ricordiamo soltanto o è per noi una realtà attuale? Siamo costantemente immersi nelle cose di Gesù?…….. per saperne di più ….https://lalocandadellaparola.com/2023/01/08/battesimo-di-gesu/

Condividi:
Leggi

Le genti

Galilea delle genti. Così veniva chiamata quella terra, a nord. Terra di confine, terra di sconfinamenti. Terra di sangue misto, di cultura popolare che certo non era incontaminata come in Giudea, come la santa Gerusalemme, con il suo tempio vietato agli stranieri, alle genti. Andò ad abitare lì, in Galilea. Scelta strana per un Messia di Israele. Scelta che già era un programma: sarò sì il Messia di Israele, ma anche delle genti. Sarò il Messia di tutti. Domani, domenica del battesimo di Gesù, faremo un passo indietro. Vedremo gli inizi di…

Condividi:
Leggi

Epifania

Tutte le chiese, un tempo, erano orientate..Erano cioè puntate, come una nave, verso est, verso oriente, verso il sole che sorge. La Chiesa, se è Chiesa, naviga incontro all’alba, attende il nuovo giorno, per ricominciare sempre di nuovo. Non è Chiesa se guarda al tramonto, se vive di nostalgie e ambisce a tornare indietro. I magi vennero da Oriente, vennero avvolti nella luce di un nuovo giorno, nell’alba di una nuova umanità. È l’umanità che cerca Gesù, che ha bisogno di Gesù, e forse non ne è nemmeno consapevole. Eppure…

Condividi:
Leggi

Giovanni

Sì, è vero. Le cose cambiano piano piano, non …….si deve forzare. Le tradizioni hanno il loro valore, la persone non possono abbandonarle dall’oggi al domani. Vero. Ma l’evoluzione ci insegna che a volte occorrono dei salti, dei mutamenti totali che fanno guadagnare millenni interi. La tradizione prevedeva che il figlio……….https://lalocandadellaparola.com/2022/12/23/giovanni-3/

Condividi:
Leggi

Le azioni

Siamo sempre infastiditi alla sola idea che si parli male di noi o che anche solo non si venga apprezzati appieno. Quando accade, vogliamo chiarire, puntualizzare, smentire. In quei momenti ci fa bene ricordare ciò che fece Gesù. Egli invitò i suoi interlocutori a guardare le sue azioni, senza bisogno della testimonianza di nessuno….https://lalocandadellaparola.com/2022/12/16/le-azioni-2/

Condividi:
Leggi

Sei tu o no?

Dunque anche uno come Giovanni Battista dubitava. C’è il dubbio del malfidente, che non concede fiducia a nessuno. C’è il dubbio del credente, che chiede per credere meglio, per credere di più. Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro? È Gesù di Nazareth colui che illumina la mia vita profonda o ne….https://lalocandadellaparola.com/2022/12/11/sei-tu-o-no/.

Condividi:
Leggi

La pace

Ieri sera uno studente di fisica descriveva l’esperienza comunitaria del Collegio Borromeo con un’immagine calzante: “Lasciando dei gas in una scatola chiusa, prima o poi interagiranno tutti gli uni con gli altri. Così siamo noi che, conoscendoci, cambiamo”. Nella scatola chiusa della classe, i miei alunni discutono fino alla rabbia e alle lacrime. I legittimi pensieri di qualche compagno non sono accettabili da altri: noi non accetteremo di cedere neppure una zolla di terra ucraina!…https://lalocandadellaparola.com/2022/12/02/la-pace-2/

Condividi:
Leggi

Da domani

Riusciremo a fare Avvento o faremo solo Natale? Ubriachi di impegni, affannàti di corse, non vegliamo ogni momento, perché non sappiamo vegliare un solo istante. Dissipiamo energie e tempo per ciò che non conta e per chi non ha realmente bisogno. Coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra ci attendono, aspettandosi molto da… https://lalocandadellaparola.com/2022/11/26/da-domani/

Condividi:
Leggi

A mensa

Quando sei invitato non metterti al primo posto. Ci sono poi inviti che non vanno accettati, mense che non vanno frequentate nemmeno sedendo all’ultimo posto. Sono le mense dei pubblici peccatori, i pubblicani. Chi condivide il loro cibo, condivide e concorda con la loro vita palesemente contraria alla legge di Dio. …https://lalocandadellaparola.com/2022/10/29/a-mensa/

Condividi:
Leggi

Busto Arsizio fino al 6 Novembre impianti riscaldamento accesi a orari ridotti

Viste le condizioni meteorologiche, è prorogata fino al 6 novembre l’ordinanza che prevede la possibilità di accendere gli impianti termici solo in alcune fasce orarie e precisamente dalle 6.00 alle ore 9.00 e dalle ore 17.30 alle ore 21.00. Il sindaco Emanuele Antonelli ha prorogato l’ordinanza in scadenza il 30 ottobre, dato che le temperature risultano sopra la media stagionale: pur consentendo l’accensione negli orari più freddi per tutelare le persone anziane e fragili, si raccomanda di usare il buon senso e di attivare gli impianti solo se davvero necessario.…

Condividi:
Leggi