Virus di Wuhan si può dire…

Molti nel mondo sviluppato e democratico si chiedono se è importante sapere da dove provenga il virus che causa la pandemia in corso. In termini di medicina, forse la questione non si pone in quanto i contagiati devono ancora essere curati, la importantissima campagna vaccinale completata  e la crisi della salute pubblica va comunque gestita. Quando si entra nel mondo della geopolitica la questione conta molto, in particolare per gli Stati Uniti e la Cina Popolare. Quindi, una nuova indagine sulle origini del virus deve essere vista nel contesto di…

Condividi:
Leggi

Il Santo Padre, Biden e il Medio Oriente

La crisi israelo-palestinese è stato uno dei principali argomenti del dialogo tra il Pontefice e la Presidente della Commissione Europea. Il Santo Padre ha ricevuto in Vaticano Ursula Von der Leyen, che successivamente ha incontrato il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin. Nel cordialissimo colloquio tra il Vescovo di Roma e la Leader europea sono state affrontate alcune questioni di comune interesse, quali le conseguenze sociali della pandemia, le migrazioni e i cambiamenti climatici, nonché i recenti sviluppi in Medio Oriente. Inoltre, è stato fatto riferimento ai buoni rapporti bilaterali,…

Condividi:
Leggi

Apprezziamo tanto i social media da esigerne di più

I social media sono un colossale strumento di business. La loro etica è quella del puro profitto (ma con qualche temibile ripercussione). Per aumentarlo accettano anche messaggi pubblicitari al confine del lecito, come l’incoraggiamento al gioco d’azzardo o la diffusione del denaro virtuale (cripto valute). Insomma per chi li possiede e gestisce sono il vitello d’oro di biblica memoria. Del bilancio di Google ben 95,375 miliardi di dollari sono appannaggio della pubblicità. Facebook ha chiuso il primo trimestre di quest’anno con ricavi in aumento del 48 per cento a 26,1 miliardi…

Condividi:
Leggi

Uiguri e Taiwan, le prove preolimpiche cinesi del Presidente Biden

Una delle ultime attività da Segretario di Stato del Presidente Trump, Mike Pompeo ha coinciso con l’affermazione che la repressione cinese degli Uiguri nello Xinjiang era un “genocidio”. Antony Blinken, candidato a succedere a Pompeo, ha detto di essere d’accordo. Nel caos della litigiosa transizione presidenziale, Washington ha quindi adottato il linguaggio più deciso che qualsiasi capitale nella sua descrizione degli eventi nel lontano martoriato ovest della Cina. Questo aumenterà le tensioni nell’area e potrebbe complicare le relazioni tra Pechino e la nuova amministrazione USA. L’uso del termine “genocidio” da…

Condividi:
Leggi

NATO e il nuovo presidente USA

Tutti in queste ora parlano delle elezioni negli Stati Uniti e, prima di affrontare l’analisi dell’ultima guerra scoppiata nel Caucaso, forse è il caso di fare delle premesse. C’è sicuramente differenza tra un presidente Biden e un presidente Trump e ci saranno molteplici differenze in politica estera, soprattutto in materia di stile e approccio alle controparti. Il presidente Trump ha sempre utilizzato il potere americano nelle relazioni internazionali e nelle trattative di grandi affari in ambito globale convinto da una semplice verità: gli Stati Uniti non hanno alternative. Questo perché’…

Condividi:
Leggi

Castellanza dedica un volume alle elezioni americane

 La scadenza elettorale è ormai imminente. Gli Stati Uniti sono chiamati a scegliere in queste ore se affidare il futuro quadriennio di presidenza all’uscente candidato dei repubblicani  Donald Trump o a quello dei democratici Joe Biden. Elezioni che, come è facile constatare, avranno ricadute non soltanto sull’assetto del paese ma anche sul piano internazionale e delle relazioni con gli altri paesi del globo. Alla tematica più che mai attuale il gruppo “Area giovani” di Castellanza coordinato da Alessio Gasparoli ha deciso di dedicare un suggestivo volume dal titolo “Stati Uniti al bivio”. Nella consapevolezza che la scelta…

Condividi:
Leggi

Accorato appello dell’arcivescovo Viganò a Trump

Carlo Maria Viganò, arcivescovo titolare di Ulpiana, già nunzio apostolico negli Stati Uniti d’America, ha scritto una lettera al Presidente degli Stati Uniti in cui dà una spiegazione di quanto sta accadendo oggi nel mondo. E’ un testo coraggioso probabilmente destinato a sollevare polemiche. Lo pubblichiamo perché mette in luce fatti in parte noti, ma letti in una prospettiva completamente diversa dalle narrazioni mainstream divulgate dalla maggior parte dei media. Non a caso la testata che per prima ha pubblicato la missiva del’Arcivescovo, “La cronaca di Roma” è un giornale…

Condividi:
Leggi