Summit di Samarcanda il gas che tutti vogliono e l’aggressione all’Armenia

Generale Giuseppe Morabito – Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation. C’è l’accordo tra Russia e Turchia in base al quale Ankara pagherebbe il 25% delle proprie importazioni di gas in rubli. Lo ha dichiarato il Presidente russo Putin  dopo il meeting con il presidente turco Erdogan a Samarcanda in Uzbekistan, dove si è svolto l’incontro tra i leader dei Paesi della S.C.O. (Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai). La notizia è che la Turchia, intende stringere i propri rapporti economici con la Russia indipendentemente dalla sua appartenenza alla NATO e…

Condividi:
Leggi

La Guerra in Ucraina e l’ultimo libro -reportage di Fausto Biloslavo

di Claudio Fragiacomo Con questo tema attualissimo sono riprese le conferenze del giovedì del Comitato di Milano,  come sono state soprannominate. Oltre a presentare la “complessa storia del Confine Orientale”, in tutti i suoi aspetti, le conferenze hanno l’ambizione di dibattere sui nodi storici attuali – e le occasioni certo non mancano-, applicando le metodologie che i nostri appassionati studiosi del Confine Orientale ci hanno insegnato ad applicare. Questo, in linea generale, può considerarsi necessario, ma quasi sempre non è sufficiente. Allora intervengono giornalisti come Matteo Carnieletto, appassionati di questioni…

Condividi:
Leggi

Le multinazionali americane sono proprietarie dell’Ucraina

Il presidente ucraino Zelensky ha preso parte, collegato via satellite, al Forum di Davos nella seduta di lunedì 23 Maggio. Come tutti gli attori coinvolti nel Great reset non poteva mancare. La vicenda Ucraina, infatti, s’inscrive nel progetto del “nuovo mondo” tenacemente voluto dalla setta internazionale di tecnocrati guidati da Klaus Schwab, ideatore del World Economic Forum. Biden, sostenuto dai predecessori Obama e Clinton, è impegnato ad affermare la leadership mondiale statunitense che nella realizzazione del Great reset svolge un ruolo di primo piano. La diminuzione della popolazione mondiale è…

Condividi:
Leggi

Dieci anni di guerra: dalla Siria all’Ucraina

Il giornalista Matteo Carnieletto, responsabile di Insideover e direttore de Il Dalmata, giovedì 5 Maggio, alle ore 18.00, all’Anvgd (Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia) comitato di Milano ha tenuto l’incontro “Dieci anni di guerra: dalla Siria all’Ucraina”. Ecco una breve sintesi dell’incontro a cura di Claudio Fragiacomo che ringraziamo per la gentile concessione. «Qualcuno si è chiesto: ma perchè parlare di Ucraina, delle vicende dell’Africa magrebina, della Libia e del Medio Oriente in un ciclo di conferenze il cui tema ispiratore è la storia del Confine Orientale e le…

Condividi:
Leggi

Il Consiglio regionale premia l’ucraina Tetiana Hlyvka

Questo pomeriggio, lunedì 9 Maggio, a Palazzo Pirelli il Presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi e la Vice Presidente del Consiglio Francesca Brianza hanno premiato Tetiana Hlyvka, atleta ucraina sordomuta di curling che, fuggita dalla guerra, è stata ospitata da una famiglia di Cavaria con Premezzo (VA), Anna Chiaravalli e Luigi Guffanti. “Tetiana in Italia ha trovato nuova ‘casa’ – ha dichiarato Alessandro Fermi –. Per lei è solo un passaggio in attesa di poter tornare in Ucraina quando la guerra sarà finita. Però Anna e Luigi, che hanno aperto a Tetiana le porte della loro casa, le hanno salvato la…

Condividi:
Leggi

Ucraina, Coldiretti: fondi Ue non spesi alle imprese agricole in crisi

Fondi europei non spesi saranno destinati agli agricoltori colpiti dalla pesante crisi generata dai rincari energetici e dalla guerra in Ucraina.  Lo rende noto la Coldiretti nel sottolineare che i servizi della Commissione Europea hanno completato i lavori tecnici preparatori per la presentazione di una proposta legislativa nel prossimo Consiglio agricoltura del 24 maggio. “Il meccanismo previsto dovrebbe essere simile – sottolinea Coldiretti Varese attraverso il presidente Fernando Fiori – a quello eccezionalmente adottato nell’anno dell’emergenza Covid, che ha permesso di trasferire parte del contributo totale del FEASR a sostegno degli agricoltori colpiti dalla…

Condividi:
Leggi

L’Afghanistan è sempre più il paese della droga

Generale Giuseppe Morabito – Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation. La guerra russo-ucraina sta facendoci dimenticare dell’Afghanistan sempre più nel caos, e si prospetta, un prossimo futuro, che quell’area diventi un problema non solo per il terrorismo, la fame e la condizione delle donne ma anche per la crescente produzione di droga. Dopo la partenza delle truppe NATO l’industria “farmaceutica” continua la rapida crescita dell’Afghanistan e opera dagli avamposti del deserto. Per esempio, a ovest di Kandahar, in località dove sventolano le bandiere talebane, i grossisti della morte lavorano apertamente producendo…

Condividi:
Leggi

La guerra «sistemica» in Ucraina

Proponiamo e pubblichiamo intervista a cura di Stefano Fontana direttore dell’Osservatorio Card. Van Thuan sulla Dottrina sociale della Chiesa, che ringraziamo per la gentile concessione, al prof. Gianfranco Battisti, professore associato di Geografia politica ed economica ed ordinario di Geografia presso l’Università di Trieste. Autore di oltre 250 pubblicazioni scientifiche, ha diretto per 12 anni la rivista Ambiente Società Territorio-Geografia nelle Scuole. Responsabile del Dottorato di Ricerca in Geostoria e Geoeconomia delle regioni di confine (1995-2007). Coordinatore fino al 2015 del Gruppo di Lavoro AGEI sulla Geografia dell’energia, si dedica attualmente…

Condividi:
Leggi

Cosa sta rappresentando in questo momento la guerra in Ucraina?

Cosa sta rappresentando in questo momento la guerra in Ucraina? Se ne parlerà mercoledì 4 maggio alle 17 in un convegno organizzato dal Liuc in aula Bussolati. E nel suo titolo vi sono già le tracce di due ricadute  che l’intervento militare russo potrà lasciare: “La guerra in Ucraina tra violazioni del diritto internazionale e conseguenze economiche”.  Interverranno sul tema il professore di diritto internazionale Alberto Malatesta e il ricercatore di politica economica Andrea Venegoni.  L’appuntamento  è stato promosso dai rappresentanti degli studenti della facoltà di giurisprudenza e dai rappresentanti…

Condividi:
Leggi

Olgiate Olona il cioccolato per l’Ucraina

L’appello non è caduto nel vuoto e suonava più o meno così: compra del cioccolato e aiuterai la popolazione dell’Ucraina. La comunità di Olgiate Olona non se lo è fatto dire due volte e ha dato quindi il suo contributo tangibile. “Le 1572 barrette di cioccolato vendute a Pasqua – si legge in una nota – hanno permesso di aiutare le famiglie ucraine ospitate nel nostro comune”. Insomma. un’iniziativa dolce in ogni senso. Che cerca di urlare più forte dell’amarezza lasciata dalla guerra persistente, o meglio dall’intervento russo in Ucraina.…

Condividi:
Leggi

Castellanza dodici alloggi per i profughi ucraini

Al momento sono 39 e hanno trovato ospitalità in dodici alloggi. La città e la comunità parrocchiale di Castellanza hanno spalancato la porta con decisione e nobile slancio di cuore alle persone in fuga dall’Ucraina martoriata dai bombardamenti della Russia di Vladimir Putin. Gli appelli tanto dell’amministrazione comunale come della parrocchia non sono quindi caduti nel vuoto e hanno avuto a riscontro, oltrechè l’accoglienza, anche una significativa raccolta di contributi economici da inviare al paese governato dal presidente Voldomyr Zelenski: 11.318,50 Euro. La parrocchia invita la comunità a seguitare su…

Condividi:
Leggi

Dove va l’Ucraina…

Generale Giuseppe Morabito – Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation In queste tragiche ore, sembrerebbe anche che la Russia abbia abbandonato qualsiasi pretesa per cercare una soluzione “politico/diplomatica” della guerra. La scoperta di civili torturati e assassinati a Bucha, Irpin e Hostomel rende difficile immaginare che un cessate il fuoco, per non parlare di un accordo politico/diplomatico, possa ora essere concordato tra Russia e Ucraina. Pertanto, se l’obiettivo russo è quello di stabilire una posizione negoziale sul campo, allora tali crimini di guerra non sono solo terribili, ma controproducenti.…

Condividi:
Leggi

Presentata versione rinnovata del mensile diocesano

«L’accoglienza non sia solo soccorso per le emergenze, ma soprattutto futuro da costruire per dare volto alla città di domani»: lo ha detto l’Arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini, con riferimento alla crisi ucraina, durante la conferenza stampa di presentazione della versione rinnovata del mensile diocesano, Il Segno. L’incontro – svoltosi nella parrocchia Beata Vergine Addolorata in San Siro – è stato l’occasione per un dialogo tra i giornalisti presenti e l’Arcivescovo, impegnato da gennaio nella visita pastorale che lo porterà a visitare tutte le parrocchie di Milano, mentre la…

Condividi:
Leggi

Olgiate Olona spalanca le porte all’Ucraina

Tre punti di raccolta, una stretta di mano tra comune e associazioni, la volontà di mandare in Ucraina generi di prima necessità e di accogliere cittadini in fuga da quella terra.  Olgiate Olona spalanca le porte con decisione al paese che sta subendo l’invasione della Russia di Vladimir Putin.  “L’iniziativa – spiega il comune – si articola in quattro macro aree di intervento , raccolta di beni di prima necessità da distribuire ai profughi, istituzione di un fondo comune dove fare convergere le donazioni per affrontare l’emergenza umanitaria, predisposizione di…

Condividi:
Leggi

Gli Stati Uniti, la Cina Popolare e la crisi ucraina

Generale Giuseppe Morabito – Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation. Mentre la guerra della Russia in Ucraina infuria per la quarta settimana, uno dei momenti più importanti , dal punto di vista geopolitico, della crisi è stata la telefonata del presidente degli Stati Uniti Joe Biden con la controparte cinese Xi Jinping. Poi verrà, questa settimana l’arrivo del Presidente Biden in Europa e le decisioni conseguenti alla ferma condanna e opposizione delle democrazie occidentali all’aggressione russa. L’amministrazione Biden ha deciso di fare della politica estera una priorità per…

Condividi:
Leggi

ll fatale declino dell’Europa dei mercanti

Non parla mai a sproposito Giulio Tremonti, ex ministro delle Finanze e dell’Economia in diversi governi Berlusconi e attuale presidente di Aspen Institute Italia, un’associazione privata internazionale, caratterizzata dall’approfondimento, la discussione, lo scambio di conoscenze, informazioni e valori. Nelle ultime settimane ha rilasciato alcune interviste ribadendo un concetto fondamentale: i guai di cui soffre l’Europa – ed in particolare l’Italia – sono causa soprattutto della finanza creativa che ha sostituito l’economia vera. Traduciamo: porta solo miseria fare quattrini con la speculazione di titoli emessi sul nulla (magari ingannando il “parco…

Condividi:
Leggi

Ucraina chiama la Cei risponde

La presidenza, con in testa monsignor Gualtiero Bassetti, ha fatto in questi giorni il punto della situazione dell’emergenza che sta caratterizzando il paese assediato dalle truppe russe in occasione della chiusura dell’incontro “Mediterraneo frontiera di pace” svoltosi a Firenze. Le testimonianze pervenute da Caritas Ucraina (chiesa greco- cattolica) e Caritas spes (chiesa latina) hanno consentito alla Conferenza dei vescovi italiani di mettere maggiormente a fuoco la situazione, la sua gravità e il percorso da seguire per poter aiutare i cittadini ucraini nel modo più fraterno ed efficace. “C’è un grande…

Condividi:
Leggi

A Roma giovedì 10 Marzo la NATO Defence College Foundation apre una finestra geopolitica sul mondo

Generale Giuseppe Morabito – Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation. Mentre tutto il mondo rivolge la sua preoccupata attenzione a quanto sta avvenendo in Ucraina in seguito all’invasione da parte delle forze armate russe, nel sostenere con forza la condanna per l’aggressione in atto, la NATO Defence College Foundation in cooperazione con la Divisione Public Diplomacy della NATO, la Fondazione di San Paolo e il NATO Defence College ha organizzato, a Roma giovedì 10 Marzo, una conferenza di alto livello per non far scendere l’attenzione, in queste tragiche…

Condividi:
Leggi

Mosca: notizie da una giornalista italiana

Marinella Mondaini, scrittrice, giornalista, traduttrice residente a Mosca, ci ha fatto pervenire tramite un lettore questo suo testo. Il contenuto, a tratti, è duro e rivela il punto di vista di una persona che non nasconde da che parte si schiera. La sua è una verità che contrasta con quella dei media occidentali, soprattutto italiani, che da oltre due anni sono impegnati a diffondere un pensiero unico. La voce di Mondaini crediamo abbia titolo per e essere ascoltata almeno come quella dei corrispondenti italiani che narrano ciò che accade in…

Condividi:
Leggi

Valle Olona vicinanza al popolo dell’Ucraina

Sette comuni, un unico intento: esprimere la vicinanza del territorio della Valle Olona alla popolazione dell’Ucraina.  Maria Elisabetta Galli, sindaco di Marnate, è il ritratto della felicità per il successo della camminata organizzata dal suo comune e da quelli di Castellanza, Olgiate Olona, Solbiate Olona, Gorla Maggiore, Gorla Minore e Fagnano Olona “nella cornice di un bellissimo tramonto” proprio per manifestare la sua solidarietà alla popolazione del presidente Voldomyr Zelenski.  “Ci siamo ritrovati insieme – spiega- abbiamo camminato insieme , pregato insieme e insieme condiviso le modalità di aiuti concreti…

Condividi:
Leggi

Ucraina a rischio 1 stalla su 4 con stop mais da Ungheria

Con la decisione dell’Ungheria di ostacolare le esportazioni nazionali di cereali, soia e girasole, in Italia è a rischio un allevamento su quattro che dipende per l’alimentazione degli animali dal mais importato da Ungheria e Ucraina che hanno di fatto bloccato le spedizioni e rappresentano i primi due fornitori dell’Italia del prezioso e indispensabile cereale. E’ l’allarme lanciato dal presidente nazionale della Coldiretti Ettore Pradini che denuncia il comportamento irresponsabile di un Paese che fa parte dell’Unione Europea come l’Ungheria che ha bloccato anche l’export di grano e altri cereali…

Condividi:
Leggi

Castellanza in soccorso dell’Ucraina

Partecipare a una raccolta di fondi, donare generi di prima necessità o accogliere famiglie. Sotto il cielo di Castellanza l’aiuto alla popolazione dell’Ucraina pesantemente martoriata dalla guerra passa per tre modalità precise.  L’operazione solidale si chiama  “Emergenza Ucraina”.  Per quanto concerne l’accoglienza dei nuclei familiari, spiega il comune, “occorrerà compilare un modulo e segnalare la disponibilità ad accogliere alla Comunità pastorale di Castellanza al 340-76.14.901 oppure alla Adi Chiesa Evangelica al numero 393-61.97.929”. La distribuzione di indumenti, biancheria intima e per la casa sarà compito della Caritas cittadina che si…

Condividi:
Leggi

L’8 Marzo una festa ormai abitudinaria?

Per celebrare il valore dell’altra metà del cielo presentiamo la storia di una donna che ha raggiunto alti livelli professionali e sportivi partendo da una condizione di salute traumatica per qualunque persona. Tra qualche giorno l’Italia si appresta a commemorare la festa della donna. In ogni parte del Paese si svolgeranno manifestazioni, iniziative, mostre un’occasione e per molti giornali  rispolverare il ruolo della donna nel mondo imprenditoriale. Anche quest’anno la festa della donna dell’ 8 Marzo ricorre in un momento difficile sia per la guerra in Ucraina, sia per gli…

Condividi:
Leggi

La Russia e il Cuore Immacolato di Maria

Don Samuele Ceccotti ha scritto per l’Osservatorio internazionale cardinale Van Thuân sulla dottrina sociale della Chiesa il testo che qui pubblichiamo, convinti che i credenti apprezzino una voce significativa e determinante per accelerare quel traguardo di pace tanto osteggiato dalle forze del male. La Vergine Maria, apparsa ai tre pastorelli alla Cova da Iria nel 1917, lega la Russia ai destini del mondo e della Chiesa, lasciando intendere un ruolo centrale della Russia stessa nelle vicende ultime della storia. La Madonna, in quella che è la più sconvolgente mariofania del…

Condividi:
Leggi

Induno Olona: sabato 5 Marzo la “spesa sospesa” per l’Ucraina

Al via la Spesa sospesa per l’Ucraina, con la possibilità per tutti i cittadini di fare offerte per acquistare prodotti nei mercati contadini di Campagna Amica in Lombardia, da inviare ai civili del martoriato Paese dove iniziano a scarseggiare le scorte alimentari o da donare alle migliaia di profughi che stanno arrivando in Italia. L’appuntamento con l’iniziativa della Coldiretti in provincia di Varese è dalle ore 9 di domani sabato 5 marzo al Mercato di Campagna Amica di Induno Olona (rione San Cassano). Iniziative sono in programma anche a Milano,…

Condividi:
Leggi

Solidarietà e vicinanza al popolo e alla nazione ucraina

Il Consiglio Provinciale di Varese esprime la più ferma condanna per l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e dei bombardamenti delle città. Azioni avvenute in spregio ad ogni regola del Diritto Internazionale per sottomettere uno Stato Sovrano, minacciando la pace e la stabilità dell’Europa. In tal senso, il Consiglio esprime pieno appoggio alle azioni del Governo italiano, degli Stati membri e delle Istituzioni dell’Unione Europea e auspica un immediato ritorno alle trattative diplomatiche perché, come ci testimonia il passato, “In guerra la verità è la prima vittima”. Solo tornando ai…

Condividi:
Leggi

Biden, Von der Leyen, Putin: il buono, la bella e la bestia

Maurizio Crozza, nei panni di Mario Draghi, dice alcune verità che, fuori dalla satira, potrebbero costare caro a chiunque le affermasse. Il messaggio del comico genovese è tagliente: la guerra russo-ucraina è un toccasana per le élite che governano Europa e Stati Uniti. Dopo la pandemia e i disastri economici (inflazione al 7 per cento, aumento incontrollato del costo delle materie prime, disoccupazione, chiusura di aziende, tassi azzerati, etc.) causati da Biden, Von der Leyen, Macron e Draghi, l’invasione russa dell’Ucraina, guidata da Volodymyr Zelens’kyj, diventa un eccellente argomento di…

Condividi:
Leggi

Ucraina bambini oncologici atterrati a Linate

Sono atterrati oggi, giovedì 3 Marzo, alle ore 13.55 all’aeroporto di Milano-Linate, con un volo coordinato da AREU Lombardia, accompagnati dai familiari, i primi bambini malati oncologici provenienti dall’Ucraina, che – grazie all’organizzazione della Onlus Soleterre e di Regione Lombardia – saranno curati dal San Matteo di Pavia e dall’Istituto dei Tumori di Milano. A Linate, ad accoglierli, erano presenti il presidente di Soleterre, Damiano Rizzi, e il governatore della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

Condividi:
Leggi

Piazza della Regione preghiera con i rappresentanti chiesa Ucraina e Russa

La Giunta della Regione Lombardia e il Consiglio regionale hanno aderito all’appello di Papa Francesco che aveva chiesto un momento di preghiera per la pace in Ucraina da fare in occasione del ‘mercoledì delle ceneri’. Alle ore 13 di oggi mercoledì 2 Marzo, in Piazza Città di Lombardia, il presidente Attilio Fontana, insieme a numerosi assessori e consiglieri, ha partecipato al momento di raccoglimento guidato dal vicario episcopale della Diocesi di Milano, monsignor Luca Bressan, durante il quale sono intervenuti don Igor Kupra, in rappresentanza della comunità ucraina e parroco…

Condividi:
Leggi

Ucraina e Taiwan, paesi lontani …crisi prossime

Generale Giuseppe Morabito – Membro del Direttorio della NATO Defense College Foundation. Non avrei mai pensato a una invasione generale dell’Ucraina da parte della Russia. Così come non avrei mai creduto che il Presidente Putin riuscisse a “ingannare” tutti ovvero a nascondere fino all’ultimo momento possibile le sue reali intenzioni. Prima di tutto al di là dell’esplicita condanna all’azione militare russa, due considerazioni. La prima è che ancora una volta l’Europa (Unita ?) ha dimostrato la sua debolezza e la sua incapacità sia di una politica estera sia di una…

Condividi:
Leggi

Ucraina, con guerra Russia a rischio 100 milioni export di cibo lombardo

La guerra mette a rischio anche le esportazioni agroalimentari lombarde in Russia e Ucraina per un valore complessivo di circa 100 milioni di euro in un anno. È quanto stima la Coldiretti Lombardia in base a una proiezione su dati Istat riferiti al 2021, con le vendite che in Russia valgono oltre 77 milioni di euro e in Ucraina circa 36 milioni di euro. Gli effetti del conflitto ucraino – denuncia la Coldiretti – rischiano di cancellare tutto il Made in Italy a tavola dai mercati di Mosca e Kiev…

Condividi:
Leggi

Cei riflessioe su conflitto Russia-Ucraina

Il suo messaggio era già emerso con grande preoccupazione e forza alcuni giorni fa. Adesso, però, si carica di ancora maggiore preghiera affinchè la situazione tra Ucraina e Russia non giunga al punto più alto di degenerazione della dignità umana, ovvero il conflitto bellico. La Cei interviene sulla questione con una nota: ” quanto sta accadendo – vi si legge- preoccupa il mondo intero, il rischio concreto di una guerra, o anche solo l’ipotesi che si possa scatenare un conflitto, turba gli animi, scuote le coscienze, aggiunge preoccupazioni alle tante…

Condividi:
Leggi

Ucraina fuori dagli accordi di adesione alla NATO. Sarebbe la fine, per ora, dei problemi…

Generale Giuseppe Morabito – Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation. L’Ucraina potrebbe (occhio al condizionale) recedere dalla sua disponibilità / offerta di aderire alla NATO per evitare la guerra con la Russia. Questa dichiarazione, riportata dalla BBC, equivarrebbe a una grande concessione a Mosca da parte dell’ Ucraina, in risposta al massiccio rischieramento delle truppe russe nelle vicinanze dei suoi confini. L’ambasciatore Vadym Prystaiko avrebbe dichiarato alla BBC che l’Ucraina è disposta a essere “flessibile” nel suo obiettivo di aderire all’Alleanza Atlantica, cosa che il presidente russo Vladimir Putin ha,…

Condividi:
Leggi

Ucraina, Sos invasione russa spinge prezzi grano

La crisi Ucraina con il rischio dell’invasione russa spinge i prezzi internazionali dei cereali con i due Paesi che insieme garantiscono circa 1/3 dell’esportazioni mondiali di grano. E’ quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che le tensioni in atto sconvolgono il mercato energetico ma anche quello delle materie prime agricole con effetti sui prezzi e sugli approvvigionamenti e il rischio concreto di carestie e tensioni sociali. In particolare la Russia – sottolinea la Coldiretti – è il principale Paese esportatore di grano a livello mondiale mentre l’Ucraina si colloca al…

Condividi:
Leggi

Che succede alla Nato? Come supererà la crisi con la Russia?

Generale Giuseppe Morabito – Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation. Per 73 anni, la NATO ha preservato la pace e rafforzato i fondamenti della democrazia, della libertà individuale e dello stato di diritto in tutta la comunità transatlantica. Basata su un legame indissolubile tra Europa e Nord America, l’Alleanza è passata da 12 a 30 membri, ampliando la zona di serenità e, quasi ovunque, di democrazia, in cui la sola ipotesi di una guerra è diventata impensabile. La sicurezza dei membri della NATO è stata rafforzata dai contributi…

Condividi:
Leggi

Ucraina, non ci sarà la guerra ma serve tanta “Diplomazia”

Pubblichiamo articolo del Generale Giuseppe Morabito – Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation apparso su “Meridianoitalia.tv che ringraziamo per la gentile concessione. Giuseppe Morabito – Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation – Scrivere in queste ore e fare un’ipotesi su quello che potrebbe accadere al confine russo -ucraino è complesso ma escluderei da subito un conflitto armato.Nell’incontro di oggi, a Ginevra, tra il Segretario di Stato americano Blinken ed il suo omologo russo Lavrov, gli Usa e gli altri alleati occidentali hanno chiesto a Mosca di ritirare le truppe…

Condividi:
Leggi

Il problema Ucraina non deve far dimenticare quanto avviene a sud ….tutto senza offendere la Cina Popolare

Generale Giuseppe Morabito – Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation. Oggi tutti i principali governi mondiali stanno concentrandosi sulla possibile via di uscita diplomatica dalla crisi che interessa l’Ucraina. Il segretario di stato USA Blinken ha chiarito la sua posizione al ministro degli Esteri russo Lavrov, in quello che ha definito un “candido” incontro a Stoccolma, ha detto che era probabile che i presidenti Joe Biden e Vladimir Putin avrebbero presto avuto occasione di parlarsi presto. In particolare, ha dichiarato: “Ho chiarito le nostre profonde preoccupazioni e la nostra determinazione…

Condividi:
Leggi