Come votare alle politiche 2022

I seggi resteranno aperti solo un giorno, domenica 25 Settembre, dalle ore 7 alle 23. Per votare occorre la tessera elettorale e un documento d’identità. Vietato portare con sé il cellulare e non si può utilizzare materiali diversi dalla matita copiativa che verrà fornita per votare. Massima attenzione a non sovrapporre le schede una sull’altra al momento dell’espressione del voto, per evitare che il segno di voto tracciato su una scheda sia visibile anche su quella sottostante. Al seggio si riceveranno due schede una gialla per il Senato ed una rosa…

Condividi:
Leggi

FdI liste candidati per Camera e Senato elezioni politiche 2022

Resi noti i nomi che concorreranno alle elezioni politiche del 25 Settembre 2022 per Fratelli d’Italia. Domenica 25 settembre i cittadini italiani sono chiamati alle urne per l’elezione dei componenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica. I seggi saranno aperti dalle ore 7 alle ore 23, si vota con documento d’identità accompagnata dalla tessera elettorale. CANDIDATI FRATELLI D’ITALIA CAMERA UNINOMINALE COGNOME NOME CAMERA   TESTA GUERINO ABRUZZO U02 MELONI GIORGIA ABRUZZO U03 CAIATA SALVATORE BASILICATA U01 FERRO WANDA CALABRIA U03 PECORARO GIUSEPPE CAMPANIA 1 U03 SCHIFONE MARTA…

Condividi:
Leggi

Il Senato boccia la teoria del gender

Una felice coincidenza ha fatto sì che la presentazione del libro di Roberto Formigoni, “Una storia popolare”, potesse avvenire senza limitazioni in sala e con la stessa presenza dell’autore. Non è il compito di queste righe raccontare l’evento, peraltro ripreso ampiamente dagli organi locali di stampa, tv e social, ma portare l’attenzione su un particolare aspetto dell’intervento di Formigoni nella sala Ticozzi a Lecco. Mi riferisco alla domanda che gli è stata fatta sulle origini del Movimento popolare. Ora tutti conoscono, o pensano di conoscere, il Formigoni ospite di palazzi…

Condividi:
Leggi

Nelle pagine di Spartà la grande umanità di Zamberletti

In “La luna sulle ali” (Pietro Macchione Editore, pp. 218, € 20), incisivo ritratto di Giuseppe Zamberletti (1933 – 2019), fondatore e patriarca della Protezione civile italiana, c’è tutta la fluente e godibile prosa di Gianni Spartà, 40 anni di giornalismo spesi nella redazione dello storico quotidiano varesino “La Prealpina”. La vicenda umana e politica di Zamberletti, eletto sei volte alla Camera ed una al Senato nelle file della Democrazia cristiana, ministro e sottosegretario in diversi governi, è ricostruita con una miriade di notizie dettagliate e talune inedite, grazie anche…

Condividi:
Leggi