Prealpina Bellasio lascia

Dal 1° Ottobre, Daniele Bellasio che da Maggio dello scorso anno era alla guida della Prealpina, andrà al Sole 24 Ore per prendere il posto di Roberto Bernabè che passa al gruppo Class, notizia riportata dal giornale online www.primaonline.it. Daniele Bellasio, laurea in legge, 48 anni ha lavorato anche per il Foglio seguendo la sua nascita sul sito web poi passato a Repubblica e ha lavorato anche per l’Ufficio Comunicazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Condividi:
Leggi

Un concerto a Tradate per il progetto di Anglad Prealpina

Sabato 13 maggio 2022 coloro che hanno accolto l’invito a partecipare, presso il santuario del S: Crocifisso a Tradate, al concerto del coro “ViaDelCanto” diretto dal M° Elena Casella hanno potuto apprezzare la qualità di esecuzione dei brani corali tratti dal repertorio di compositori internazionali. “ViaDelCanto” è un coro amatoriale di Milano che si esibisce in rassegne musicali e culturali volte alla valorizzazione del patrimonio artistico italiano ed anche unisce, nella sua attività concertistica, fini benèfici o sociali: è il caso dell’evento tradatese. La preziosa occasione ‘musicale’ offerta alla cittadinanza…

Condividi:
Leggi

Dal 1 Maggio nuovo direttore alla “Prealpina”

Daniele Bellasio, dal 1 Maggio, sarà il nuovo direttore responsabile del quotidiano “la Prealpina”, storica testata della provincia di Varese edita dal gruppo Sev  (Società editoriale varesina). L’attuale direttore, Maurizio Lucchi, 63 anni, ha  deciso di lasciare la direzione dalla medesima data. Lo annuncia una nota del gruppo editoriale varesino e ne dà notizia una nota de “Il Sole24 Ore Radiocor Plus”. Bellasio, 46 anni, laureato in legge, con un passato al Foglio, fino al 2011, dove e’ stato correttore di bozze, responsabile Esteri e vicedirettore esecutivo di Giuliano Ferrara,…

Condividi:
Leggi

Agricoltura, il 2020 anno da dimenticare per il Varesotto

“Per l’agricoltura del Varesotto è stato un anno difficile. Colpa soprattutto dell’emergenza Covid, che per mesi ha messo in ginocchio interi settori come quello florovivaistico e agrituristico. Ma c’è dell’altro: gli effetti di un clima pazzo hanno martoriato il Varesotto a più riprese, mentre ampie porzioni di territorio sono tuttora ostaggio delle invasioni di cinghiali e selvatici”. Il presidente di Coldiretti Varese Fernando Fiori evidenzia come l’agricoltura prealpina ricorderà il 2020 come un anno di estrema difficoltà.  “Le difficoltà legate a lockdown e limitazioni sono state pesanti e lo sono tuttora. Sin dai giorni…

Condividi:
Leggi