Fino all’ultima mosca

Annalisa Strada vive in provincia di Brescia, laureata in filologia, insegna italiano nella scuola media e da sempre ama il mondo dei libri. Questa sua passione è sfociata nella scrittura di numerosi racconti e romanzi per i ragazzi. “Fino all’ultima mosca” edizioni San Paolo, in uscita nelle librerie, racconta di un professore chiamato Mastino che prova un profondo odio verso le mosche. Questa sua particolarità risale a quando era bambino e durante un’Estate uno sciame di mosche gli divorò la coppa di gelato. Il professore insieme al suo assistente, Patroclo inventa…

Condividi:
Leggi

Russia i giorni della verità’…per l’Ucraina

Generale Giuseppe Morabito – Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation. Il 9 maggio 2022 si è svolta la parata nella Piazza Rossa dove il Presidente Putin ha esposto la sua verità sull’aggressione all’Ucraina. Tralascio volutamente i giudizi su quanto Mosca ha voluto mostrare in pubblico. La ridotta, rispetto alle aspettative di molti, presenza di armi potrebbe essere un inganno voluto e non una dimostrazione di carenza di disponibilità. Nella battaglia della propaganda di guerra c’è da aspettarsi di tutto e il peggio di tutto. I bombardamenti delle ore…

Condividi:
Leggi

Suez si insabbia e Mosca rompe il ghiaccio

Ci sono due eventi a migliaia di chilometri di distanza che non bisogna distrattamente non mettere in relazione. Il notissimo e molto pubblicizzato, blocco del canale di Suez per l’insabbiamento di una enorme porta container e il fatto, meno noto, che per la prima volta nella storia durante una esercitazione nell’ Artico tre sottomarini russi a propulsione nucleare sono emersi simultaneamente da sotto il ghiaccio a una distanza massima di 300 metri l’uno dall’altro. Siamo arrivati a circa una settimana di blocco nel Canale di Suez ma ancora non è arrivata…

Condividi:
Leggi

Libia e Nagorno-Karaback, due guerre uno stesso schema

Durante la Primavera del 2019, la guerra libica di successione post-Gheddafi era entrata in una nuova fase. Il LNA (Esercito di Liberazione Nazionale) comandato dal generale Khalifa Haftar aveva lanciato un’offensiva a sorpresa per conquistare Tripoli e conseguentemente la residenza del GNA (Governo di Accordo Nazionale) libico riconosciuto a livello internazionale, il quartier generale più importante del paese, con istituzioni economiche come la Banca Centrale della Libia, l’Autorità Libica per gli Investimenti e la National Oil Corporation. L’offensiva a sorpresa del LNA era stata accolta con indignazione in molti stati…

Condividi:
Leggi