Vertemati allenerà la Openjob Metis Varese

Che sarebbe presto tornato ad allenare in Lombardia, forse, non se lo immaginava. Forse ci sperava. Ed è stato esaudito. Adriano Vertemati, ex allenatore della Bcc Treviglio e reduce da un’esperienza in Germania con il Bayern Monaco come assistente di coach Trinchieri, riapproda in regione, stavolta per diventare capoallenatore della Openjob Metis Varese.

La notizia era nell’aria da tempo ed è stata ufficializzata però in questi giorni. Vertemati è persona che calca ora per la prima volta i parquet della massima serie cestistica da tecnico ma l’esperienza non è certo qualcosa di cui sia a digiuno. Ha ricoperto il ruolo di allenatore nei settori giovanili di Forti e Liberi Monza e Treviso.

E, soprattutto, è stato designato quale coach della nazionale italiana under 20. Un curriculum niente male per il tecnico di Milano classe 1981. “Siamo molto contenti di avere firmato con uno dei migliori allenatori emergenti in Italia-  dice il direttore generale della società biancorossa, reduce da un campionato culminato con una sofferta salvezza, Andrea Conti – che nella sua già lunga carriera ha lanciato tanti giocatori in palcoscenici importanti, con lui inizia un nuovo corso, un nuovo programma di lavoro pluriennale , con la ferma volontà di fare il meglio per la pallacanestro Varese”.   

Vertemati, dal canto suo, si è detto “emozionato e onorato di essere qui, sono cresciuto con il mito delle società lombarde ed essere qua mi fa tremare i polsi, non potevo rifiutare quest’occasione, prima di vedere come si giocherà, bisogna riempire tutte le caselle del roster, non ho la presunzione di un credo cestistico d imporre, anche perchè spesso l’idea di gioco iniziale non è l’idea giusta, anzi, penso che la bravura di un allenatore sia la flessibilità, ecco perchè voglio mettere tutti i miei giocatori nella condizione di fare il meglio che possono”. Insomma, passo lungo quanto la gamba e massima duttilità alle situazioni.

“La chiave- conclude- sarà l’equilibrio tra scommesse da far crescere e la concretezza che dovremo avere per scendere in campo a settembre per vincere le partite” .  Sulla volontà di Luis Scola di proseguire a calcare il parquet con i colori bosini, Vertemati non si sbilancia: “mi ha ribadito l’intenzione di non fare pesare la sua presenza nella costruzione del roster e che l’idea, a oggi, è di non giocare più, poi se dovesse cambiare idea non sarò certo io a fermarlo, non sono stupido”.

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts