Pro Patria cercasi vittoria disperatamente

Vittoria cercasi disperatamente. La Pro Patria si recherà domenica domenica 28 novembre alle 17.30 sul terreno della Triestina con l’intento di dare una boccata d’ossigeno alla sua classifica deficitaria.

Per i tigrotti sarà una sorta di seconda vita con il passaggio della presidenza da Patrizia Testa, che ha scelto l’impegno politico, a Domenico Citarella.

Passaggio di proprietà che è stato illustrato nel corso di una conferenza stampa in cui Testa si è tolta qualche sassolino dalla scarpa: “non si poteva continuare – ha spiegato peraltro – con una realtà in cui gli imprenditori fanno orecchie da mercante, si interessano tanto di Pro Patria ma poi non ci mettono i soldi in prima persona, adesso abbiamo Citarella che è una persona seria e  preparata”. 

Molto rumore ha fatto l’arresto del presidente di Sgai, il consorzio che ha in mano la maggioranza delle quote della società, Roberto Galloro. “Ma – dice Testa- la giustizia farà il suo corso e siamo tranquilli su questo”. Tornando al calcio giocato, la Pro Patria parte dal sedicesimo posto con 15 punti, otto in meno di una Triestina che, reduce da quattro turni utili di fila, si trova al quinto posto a quota 23.

Avversaria certamente non all’acqua di rose, quindi, per i biancocelesti che cercheranno di ristringere la mano ai tre punti come non accade loro di fare da tre giornate, durante le quali hanno raccolto soltanto un punto. La Pro Patria dovrà rinunciare allo squalificato Molinari.

La Triestina cercherà di ricordare con una vittoria la scomparsa di un esponente storico del suo staff ovvero Billy Marcuzzi.

L’ARBITRO 
Sarà il signor Francesco D’Eusanio della sezione di Faenza.

PROBABILE FORMAZIONE PRO PATRIA 
Caprile, Galli, Sportelli, Stanzani, Brignoli, Fietta, Parker, Nicco, Boffelli, Bertoni, Colombo. All. Luca Prina.  

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts