Openjob Metis Varese perdere ma essere felici

Perdere ed essere felici? Si può. Per referenze pregasi bussare alla porta della Openjob Metis Varese che, pur capitolando  nell’ultima sfida casalinga al “Pala Enerxenia Arena” con l’Allianz Trieste per 73-79, resta con i piedi ben piantati in massima serie. I giuliani, dal canto loro, ottengono invece il passaporto per i playoff.

L’ultimo impegno di Luis Scola e compagni sarà ora nella tana della quotata Happy Casa Brindisi in maggio. In evidenza, nel match contro gli alabardati, soprattutto Beane, Douglas ed Egbunu mentre gli astri più luminosi di Trieste sono stati Doyle, Alviti e Delia. 

PRIMO QUARTO – Ruzzier affonda la lama ma Henry replica subito portando i suoi in orbita con la complicità di De Lia, Da Ros e Alviti. Bulleri chiama il timeout per riordinare le idee visto l’avvio zoppicante dei suoi sotto per 8-13 a metà quarto. Beane , alla ripresa, trascina la Openjob Metis a chiudere il primo quarto in vantaggio per 20-15.

SECONDO QUARTO – Egbunu sospinge i padroni di casa a otto incollature di vantaggio, l’Allianz, però, non si scompone e rifissa la parità sul 28-28. Laquintana consente al roster giuliano di spiccare il volo fino a condurre la sua barca al porto dell’intervallo lungo avanti di tre onde: 40-37.

TERZO QUARTO – Ruzzier, Douglas e Beane riportano Varese avanti, stavolta è coach Dalmasson a spendere il timeout. Douglas sfodera una tripla alla ripresa e Varese pare mantenersi in quota, Henry e Delia però ripristinano la parità a quota 53.

ULTIMO QUARTO – Alviti riporta a più quattro i suoi con due triple di ottima fattura, Egbunu cerca di ricucire ma Trieste piazza il definitivo allungo per merito di Doyle ed è il 79-73 finale. 

TABELLINO
OPENJOB METIS VARESE: Beane 19,. Douglas 14,  Egbunu 14, Ruzzier 11, De Nicolao 6, Scola 5 , Ferrero 2, Strautins 2, Morse. N.e: De Vico, Virginio, Van Velsen. Coach: Massimo Bulleri. 
Tiri liberi: 12 su 18, rimbalzi 40 (Egbunu 13), assist  10 (Ruzzier 5).
ALLIANZ PALLACANESTRO TRIESTE: Doyle 16, Alviti 13, Delia 13, Laquintana 11, Henry 11, Da Ros 7,  Grazulis 6, Upson 2, Cavaliero. N.e: Coronica. Coach: Eugenio Dalmasson. 

POSTPARTITA 
MASSIMO BULLERI (COACH OPENJOB METIS VARESE): “Cerco di essere obiettivo e dico che quella di questa sera non è stata la nostra migliore partita, è un peccato perchè ci tenevamo a fare un’ultima partita in casa migliore. Non ci siamo riusciti ma non posso rimproverare niente ai ragazzi che ci hanno provato fino alla fine.

Dispiace molto e per certi versi i ragazzi si meritavano un finale diverso, ma Trieste ha giocato meglio, sono stati più concreti e cinici e hanno tirato meglio.

Hanno preso più rimbalzi in attacco e sono stati più vivi sulle palle vaganti. A livello umano, però, sono estremamente contento di quello che è stato l’approccio e di quella che è stata la stagione  fino a qui, abbiamo l’amaro in bocca per questo risultato ma guardando il quadro generale, rispetto a tre mesi fa e alla partita d’andata quando eravamo ultimi con sei punti, se qualcuno allora ci avesse detto che avremmo potuto permetterci oggi di perdere e mantenere la categoria non ci avremmo creduto.

Dobbiamo dare atto ai ragazzi che sono riusciti a uscire da una situazione sportivamente drammatica alla grande e con pieno merito, con le stimmate dei grandi uomini prima ancora che dei grandi   giocatori”.

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts