Openjob Metis Varese non supera l’ostacolo Germani Brescia

Niente tris. La Openjob Metis Varese, dopo gli acuti con Happy Casa Brindisi e Vanoli Cremona, non riesce a superare l’ostacolo Germani Brescia.

Al “PalaLeonessa” la formazione di coach Massimo Bulleri ha masticato amaro perdendo per 83-98. Il roster bosino resta così all’ultimo posto con dieci punti in coabitazione con Cantù.

Brescia,  dopo aver bissato la vittoria ottenuta contro l’Allianz Pallacanestro Trieste, balza a quota sedici e si propone in zona playoff. Un Douglas molto ispirato e il tandem Beane- Scola non sono bastati alla Openjob Metis  per avere ragione di un roster bresciano animato soprattutto dai 19 punti di Chery.

Ora il tentativo di De Nicolao e compagni di rialzare la testa passa per un impegno non all’acqua di rose all’ “Enerxenia” domenica 14 febbraio alle 16 contro la Fortitudo Bologna.

PRIMO QUARTO – Chery dimostra subito le intenzioni bellicose della Germani con una tripla, Burns allarga il fossato sul più sette (10-3). Quattro punti in serie  di Ruzzier riavvicinano Varese sul meno tre ma poi la Germani risale in cattedra chiudendo il primo quarto sul 24-16.

SECONDO QUARTO – Jakovics, con una tripla, sospinge Varese a sole cinque lunghezze (19-24), Brescia, però, sale nuovamente in quota portandosi a più nove. Varese prova ad abbozzare una reazione e mette un po’ di brividi a coach Maurizio Buscaglia che chiama il timeout bresciano sul punteggio di 32-28 per i padroni di casa. La Germani capisce l’antifona e rischiaccia l’acceleratore portandosi all’intervallo lungo sul più dodici (48-36).

TERZO QUARTO – Moss e Chery portano Brescia in orbita, Ruzzier prova a contenere lo svantaggio varesino portandolo a meno quindici (65-50), Scola e Douglas assottigliano ulteriormente il divario, tanta determinazione e buona volontà da parte di Varese non bastano però per impedire che Brescia comandi ancora le operazioni a dieci minuti dal termine con il punteggio di 72-58.

ULTIMO QUARTO – La Openjob Metis inaugura la catena di produzione delle triple fino a portarsi a meno dieci e a riaprirla, tre tiri liberi di Beane segnano addirittura il meno sette. Brescia comincia a prendere le contromisure e lo fà in modo possente con Burns.  E finisce 98-83 per i padroni di casa.  

TABELLINO
GERMANI BRESCIA (98): Chery 19, Burns 17, Willis 16, Moss 9, Vitali 7, Bortolani 7, Kalinoski 6, Wilson 6, Crawford 6, Sacchetti 5, Parrillo. N.e: Bertini. Coach: Maurizio Buscaglia.
OPENJOB METIS VARESE (83):  Douglas 20, Beane 15, Scola 15, Jakovics 10, Strautins 9, Ruzzier 6, Egbunu 5, De Vico 3, Ferrero, De Nicolao. N.e: Virginio. Coach: Massimo Bulleri.

TIRI LIBERI
GERMANI BRESCIA 9 su 9, OPENJOB METIS VARESE 16 su 21.
RIMBALZI
GERMANI BRESCIA 35 (Willis 9), OPENJOB METIS VARESE 31 (Scola 7)
ASSIST
GERMANI BRESCIA 21 (Vitali 8), OPENJOB METIS VARESE 11 (Beane e Ruzzier 4).    

ARBITRI
Michele Rossi di Anghiari (AR), Gabriele Bettini di Bologna e Lorenzo Baldini di Firenze.

DICHIARAZIONI POSTGARA
MASSIMO BULLERI (COACH OPENJOB METIS VARESE): “Prima di tutto complimenti a Brescia che ha imposto un gioco estremamente fisico che abbiamo pagato con tantissime palle perse,  sicuramente troppe. Brescia ha dimostrato il suo livello, una squadra costruita per giocare in Eurocup e per arrivare ai primi posti del nostro campionato. Da parte nostra una serata non all’altezza delle nostre ultime uscite, però c’è stato grande spirito anche questa sera. La squadra non si è mai abbattuta, abbiamo lottato e siamo rientrati fino al meno sette nell’ultimo quarto. Dobbiamo chiudere il capitolo relativo alla partita di questa sera il prima possibile e concentrarci sul match di domenica”.

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts