Openjob Metis Varese domenica 28 Marzo incontra Dolomiti Trento

 Il calendario , per effetto del campionato divenuto a quindici squadre dopo il ritiro a stagione in corso della Virtus Roma,   le imponeva il turno di riposo. La Openjob Metis Varese, però, in attesa della sfida salvezza che la vedrà opposta domenica 28 Marzo alla Dolomiti Trento in cui sono in palio preziosi punti salvezza, ha lanciato, in collaborazione con  “Il basket siamo noi”, un’iniziativa davvero singolare. 

Spettatori non ce ne potranno essere, per le normative Anticovid che impongono il divieto di assembramento. Ma vi potranno essere similtifosi sottoforma di sagome che, precisa la società bosina, “coloreranno le nostre tribune abbracciando virtualmente i nostri ragazzi”. 

E, a fine stagione, i tifosi potranno se lo vorranno ritirare una di queste sagome con il loro nome inciso e la possibilità di averla autografata dai giocatori del roster biancorosso. Aderire all’iniziativa è piuttosto semplice. Occorrerà collegarsi con il sito della Openjob Metis e cliccare sulle sezioni gold o silver a seconda della scelta che si compierà  ovvero per una sagoma dorata da cinquanta euro o argentea da venti.

“Che bello sarebbe – scrive in una nota “Il basket siamo noi” ideatore dell’iniziativa – riuscire a fare davvero Sold out , vedere al palazzetto una sagoma per ogni tifoso che ha acquistato il biglietto e portare l’equivalente di un incasso reale in un momento così critico lasciandoci trascinare dal coro che ben conosciamo e ci manca tanto: fino alla fine forza Varese”. 

Un tifo di sagoma, ma pur sempre vero, perché in quella sagoma pulsa il cuore del tifoso in carne e ossa di sempre.

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts