Mercoledì 6 Gennaio, scende in campo il calcio

Tutte e tre in campo. Con tre rette che convergono in un unico punto: vincere per dare ulteriore polpa alla classifica. 

 Che, al momento, per ognuna di esse si declina con tre aggettivi differenti: deficitaria per il Città di Varese, interlocutoria per la Castellanzese, sorridente per la Caronnese. Nel turno inaugurale del 2021 che va in scena mercoledì 6 Gennaio alle 14.30, il Città di Varese riceverà al “Franco Ossola” l’Arconatese con il preciso obiettivo di mettere la prima tacca alla voce vittorie casalinghe e di farsi il secondo regalo stagionale.

Ultimi con cinque punti con la Fossanese, i biancorossi ospitano una formazione, quella gialloro, che al momento non sta certo facendo faville con i suoi sei punti in classifica e le sue quattro sconfitte consecutive. il tecnico Ezio Rossi predica umiltà, pragmatismo e determinazione e spiega: ““è una squadra con tanta fisicità, sviluppa un gioco offensivo e porta tanti giocatori dentro l’area, dovremo essere bravi a reggere l’impatto dal punto di vista fisico e poi mettere in mostra le nostre qualità”.  

Rossi dovrà fare a meno di due pedine non proprio di secondaria importanza nel reparto offensivo come Balla e Mamah, ambedue fermi ai box per infortunio. Reparto infermeria ancora affollato anche per le assenze di Di Sabato e dell’estremo difensore Siaulys.

Dirige il signor  Mattia Nigro della sezione di Prato.  La Caronnese, quarta con diciotto punti, vuole lasciarsi alle spalle due pareggi color amarezza, ambedue per 1-1 ma con senso di marcia inverso: nel primo caso, infatti, contro la Fossanese, la pattuglia di Roberto Gatti ha dovuto rincorrere,  contro la Sanremese ha invece subito la divisione della posta in pieno recupero e su calcio di rigore. 

Tra loro e il desiderio di riassaporare la gioia dell’intera posta ci sarà il Casale che occupa il quindicesimo posto con nove punti ma è reduce da uno sgambetto casalingo fatto all’Imperia. Arbitra il signor Federico Muccignato della sezione di Pordenone. La Castellanzese ha tutte le intenzioni di inaugurare l’anno che segna il suo centenario di vita essendo nata nel 1921 con una marcia trionfale.

Ovvero con il bis della vittoria conquistata contro la capolista Bra, impresa che solo lei, finora, è riuscita a compiere.   I neroverdi tenteranno di dare fondo al proposito sul terreno di un Borgosesia le cui luci di classifica non sono certo accese a giorno con soli otto punti e tre passi falsi nelle ultime quattro gare. Fischia il signor Ciro Aldi della sezione di Reggio Emilia.

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts