Ezio Rossi la felicità della prima vittoria con la Città di Varese

Il sorriso grande così, la gioia per un momento tanto atteso. Il momento della prima vittoria sulla panchina di quel Città di Varese che gli ha dato fiducia e al cui progetto ha dato la sua entusiastica adesione promettendo massimo impegno.

Dopo la vittoria per 3-1 sul campo del Borgosesia con una grande prova di autorità, seconda in campionato dopo quella ottenuta contro la Fossanese, il tecnico bosino Ezio Rossi è il ritratto della felicità pur se non lascia in soffitta il realismo: “questa vittoria – spiega – è come una bolla d’ossigeno, ma restiamo ancora sempre sott’acqua”.

Vero è , infatti, che il Città di Varese si trova a otto punti sempre nello scomodo ruolo di fanalino di coda ma le due principali antagoniste in chiave salvezza, ovvero Vado e Fossanese, non giacciono certo a distanza siderale piantate come sono a nove punti, cioè uno soltanto in più di Balla e compagni.

“Abbiamo fatto bene – spiega Rossi rigustandosi momento per momento la partita da incorniciare dei suoi – e dopo mezz’ora potevamo già essere sul 2-0, poi quando abbiamo preso il pareggio ho temuto che potesse ripetersi il copione delle ultime partite, la squadra ha dimostrato una grande volontà di riprendersi da questa situazione difficile, solo con questa mentalità puoi venire fuori dalle difficoltà”.

Rossi ora si attende molto dal nuovo arrivo, quel Seyoud Sow  che ha portato esperienza e tanta voglia di fare da tradurre in reti sonanti. Adesso i biancorossi possono andare all’impegno di domenica al “Franco Ossola” alle 14.30 contro il Saluzzo con  benzina di energia e il giusto grado di spirito di chi sa di potersela giocare con tutti e di potersi regalare buone soddisfazioni. Al di là di ogni difficoltà-

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts