Città di Varese incontra il Borgosesia mercoledì 20 Gennaio

Il bel gioco è apparso, i risultati positivi non ancora. Obiettivo del Città di Varese sarà quindi di riuscire a incrociare finalmente le due rette e di divincolarsi dalla fastidiosa ragnatela dell’ultimo posto in classifica con soli cinque punti.  

Balla e compagni proveranno a tornare a casa dallo stato del Borgosesia, loro avversario nella sfida di oggi, mercoledì 20 Gennaio, alle 14.30 con la seconda posta piena stagionale dopo quella ottenuta sul terreno del Fossano alla quinta giornata con un netto 4-0. 

La parola d’ordine intonata dal tecnico Ezio Rossi è chiara: vietato farsi condizionare psicologicamente sia dalle tre sconfitte di fila pur condite da prestazioni di buona levatura sia dalla situazione di classifica tutta lacrime. La sua disamina riparte dall’amaro stop interno  contro la capolista Gozzano: “la prestazione sta a voi giudicarla – dice alla stampa – tutti avete visto che partita abbiamo fatto contro la prima in classifica, abbiamo concesso loro solo un’occasione in cui è stato bravo Siaulys a respingere mentre il gol è arrivato da una conclusione strozzata che è finita sui piedi di un attaccante bravo”.

Cioè Sylla, nove reti nell’arco della stagione con quella messa a segno contro i biancorossi. E con il Borgosesia, lascia intendere,   bisognerà scendere in campo con la stessa grinta  saldamente cucita sui tacchetti: “abbiamo fatto tre ottime prestazioni ma raccolto zero punti , ora non dobbiamo guardare la classifica ma continuare a giocare, magari dobbiamo cominciare, magari dobbiamo cominciare a giocare male anche se questa non è una squadra che specula”.

Di fronte ai biancorossi vi sarà un Borgosesia messo solo leggermente meglio con i suoi undici punti che valgono il sedicesimo posto. I vercellesi sono reduci da un ruolino poco felice di quattro sconfitte negli ultimi cinque turni. Ma oltre a esse vi è una vittoria contro la capolista Bra non da sottovalutare. Dirigerà la gara il signor Gianluca Natilla della sezione di Molfetta.

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts