Calcio, le tre squadre di Varese in campo 29 Novembre

Due per cercare riscatto, una a caccia di continuità. Caronnese e Castellanzese da una parte, Città di Varese dall’altra. Quest’ultima è fresca della prima vittoria stagionale di larghe proporzioni ottenuta per 4-0 sul terreno della Fossanese che le è servita per togliere lo zero dalla casellina dei punti in classifica e cercherà  domenica 29 Novembre alle 14.30 al “Franco Ossola” contro i liguri del Vado di concedersi il bis.

Allenata da Luca Tarabotto, la squadra savonese è anch’essa in debito d’ossigeno avendo accumulato finora soltanto cinque punti in campionato. Ma nella sua storia luccica un elemento di particolarità ovvero la conquista della prima edizione della Coppa Italia nella stagione 2020-21 quando ebbe la meglio sull’Udinese in finale grazie a un acuto di Felice Levratto. 

I savonesi sono una compagine a caccia di una tranquilla salvezza. Il tecnico del Città di Varese David Sassarini è convinto che la seconda posta piena di fila sia alla portata: “dobbiamo continuare nel segno di domenica scorsa – afferma – affronteremo una squadra determinata e dobbiamo stare attenti ed essere consapevoli che possiamo fare bene”.

Alla stessa ora scenderanno in campo anche Caronnese e Castellanzese, rispettivamente contro Imperia e Casale. I rossoblù di mister Roberto Gatti riceveranno al comunale di Caronno Pertusella l’Imperia con l’intento di rafforzare il bottino in classifica di nove punti dopo il doppio stop con Chieri e Sestri Levante. Dirige il signor Erminio Cerbasi di Arezzo.  I liguri, invece, sono in cerca della quarta vittoria negli ultimi cinque turni.

Operazione riscatto cercasi anche per la Castellanzese di Achille Mazzoleni che riceverà al “Provasi” il fanalino di coda Casale, accreditato finora di un solo punto in graduatoria, i neroverdi devono a loro volta mandare al macero l’ultima, brutta sconfitta casalinga patita per 0-2 contro la Lavagnese. 

 Il fischietto designato è quello del signor Stefano Selva della sezione di Alghero.

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts