Olgiate Olona si dimette l’assessore al bilancio

 Aspettavano una sua presa di posizione. E glie l’hanno chiesta a più riprese. Ma, ai rappresentanti delle forze di opposizione, ovvero Movimento Cinquestelle e “Olgiate Insieme Acanfora sindaco”  che gli chiedevano una disamina sulle improvvise dimissioni dell’assessore al bilancio Angela Di Pinto per intervenute difformità di vedute con la giunta, il sindaco Giovanni Montano ha risposto con un semplice attestato di stima verso la sua ex collega di amministrazione.

“La scelta dell’ingegner Di Pinto – ha sottolineato il primo cittadino che ha poi dovuto illustrare personalmente l’aspetto politico del bilancio di previsione vista la decisione di farsi da parte dell’assessore competente – è frutto di una stima che permane anche dopo queste dimissioni al cento per cento. Ha scritto una lettera alla giunta che, a mio avviso, è stata inopportunamente diffusa ai giornali perchè si trattava di una lettera privata”. All’attestato di stima ha accluso una considerazione di metodo: “non essendo presente la diretta interessata – ha precisato – è bene che sia lei a motivare le sue dimissioni  e a esprimere una valutazione, non mi pare un segno di rispetto parlare di chi non c’è”.

Punto. Le forze di opposizione non si sono dette persuase della scelta di Montano tanto da portare il consigliere comunale di “Olgiate Insieme Acanfora sindaco” Enrico Vettori a parlare di “consiglio surreale”. La ribalta se la è poi presa la discussione sul bilancio di previsione.

Analisi di Montano: “il bilancio viene in un periodo particolarmente delicato dovuto all’emergenza pandemica ed è chiamato a dare risposte anche alle sfide contabili del prossimo triennio, lo abbiamo approntato con priorità precise come l’attenzione alla sostenibilità, alle generazioni future, alle necessità delle persone che svolgono il loro lavoro e hanno una funzione sociale, all’autonomia finanziaria che ricordo essere per il comune di Olgiate già pari al 99,29 per cento, ai consumi e all’efficientamento energetico nonchè alle necessità sul piano educativo e scolastico”. Tutto in moto rettilineo? Secondo l’ex sindaco e ora esponente di “Olgiate Insieme Acanfora sindaco” Giorgio Volpi non esattamente: “il bilancio proposto – ha spiegato – non è altro che una fotocopia di quello dell’anno scorso, non si può dire adesso spendiamo e poi vediamo quello che succede, manca un’indicazione politica chiara e uniforme”. Insomma, due rette che viaggiano parallele senza verso di incontrarsi. E la reiterata richiesta di chiarimento da parte delle minoranze sulla decisione di Di Pinto di piantare in asso la giunta Montano. Che, hanno assicurato le minoranze stesse, “sarà oggetto di un chiarimento che chiederemo nel prossimo consiglio in modo formale”.

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts