Anche la Cei è rimasta senza luce

Non si tratta di un black out o di un corto circuito improvviso. Anche la Conferenza dei vescovi, infatti, ha deciso di aderire alla campagna “M’illumino di meno” promossa ogni anno dal 2005 dalla trasmissione “Caterpillar” di Rai Radiodue nella giornata del risparmio energetico per promuovere stili di vita sostenibili.

La sede della segreteria generale di via Aurelia 468 e 796 dell’organismo dei vescovi, infatti, ha spento le luci interne ed esterne dei propri locali.

Con una precisa consapevolezza racchiusa nell’Instrumentum laboris della Settimana sociale dei cattolici italiani in programma a Taranto dal 21 al 24 Ottobre: “senza un cambiamento profondo degli stili di vita individuali e senza la creazione di consuetudini e norme sociali virtuose definite dalla somma di tanti comportamenti individuali nella stessa direzione – vi si legge – persino norme giuridiche che muovono nella direzione giusta saranno insufficienti”.

L’argomento affrontato dall’appuntamento in terra pugliese sarà corposo e di stringente attualità: “Il pianeta che speriamo, ambiente, lavoro, futuro, tutto è connesso”. La Cei ha voluto evidenziare, con l’adesione a “M’illumino di meno”, anche la necessità di “riflettere sugli stili di vita e sui cambiamenti possibili”.

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts