Olgiate Olona decisivo affrontare la situazione sanitaria

Alla fine il coro è stato unanime: per poter gestire la situazione sanitaria del territorio in modo ottimale occorre un deciso salto in avanti sul piano quantitativo come qualitativo.

Il tema è stato ampiamente discusso a Olgiate Olona grazie a una mozione proposta dalla lista civica “Paese da Vivere-Montano sindaco” che fà riferimento appunto all’attuale primo cittadino Giovanni Montano. Le parole del consigliere di maggioranza Michele Albè non hanno dato adito a fraintendimenti sottolineando un concetto preciso: così non si può andare avanti ed è quindi necessario che Stato e Regione mettano mano a un problema di gestione sanitaria sul territorio mai come oggi suscettibile di attenzione vista l’emergenza pandemica.

“Abbiamo purtroppo toccato con mano l’inadeguatezza del nostro sistema sanitario – ha affermato – che ha dovuto fare i conti con mille intoppi, tra tagli di personale, di posti letto e con una sanità territoriale trascurata e lasciata in secondo piano, si è praticamente fatto tutto quanto non si sarebbe dovuto fare, nei primi mesi vi era un’emergenza improvvisa e qualche intoppo si poteva giustificare, ma adesso proprio no”.

La reprimenda di Albè abbraccia un vasto ambito che va dai tamponi ai vaccini ai protocolli. “Si è scaricato tutto il problema sui medici – ha proseguito – baluardo prezioso in difesa di anziani e più deboli, ringrazio il sindaco Montano che ha messo oltretutto a servizio la sua competenza di medico nell’elaborazione del nostro documento”.

E proprio il sindaco è stato impegnato a farsi interprete di questa situazione di disagio e della conseguente richiesta di un potenziamento deipresidi sanitari territoriali in Regione. Tutto questo anche in previsione del nuovo ospedale di Busto Arsizio- Gallarate che, aggiunge Albè, “avrà meno posti letto dell’attuale e rischia quindi di creare davvero situazioni di disagio, espressione peraltro di un intento che risulta contrastante con l’esigenza di tutela della salute dei cittadini”.

Il contenuto della mozione è stato sposato anche dalle altre due liste consiliari ovvero “Movimento Cinquestelle” e “Olgiate Insieme Acanfora sindaco”. Il primo, attraverso le parole del suo capogruppo Paolo Colombo, ha parlato di “valorizzare il pubblico in un sistema che sembra privilegiare il privato”.

Il secondo, tramite le parole del consigliere Enrico Vettori, sottolineando come sia “un bene la presenza del privato accanto al pubblico altrimenti saremmo allo sfacelo”, ha rilevato l’importanza di condurre una battaglia comune “al di là di ogni contrapposizione di natura partitica” auspicando infine che “la mozione diventi un punto di partenza e non di arrivo”. 

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts