Milano, sequestrati 220 kg di hashish e marijuana dai Carabinieri

Nel pomeriggio del 21 Dicembre, in Cinisello Balsamo, i militari della Compagnia di Sesto San Giovanni arrestato, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, un trentenne albanese, incensurato.

I militari della Sezione Radiomobile della Compagnia, già dai giorni scorsi impegnati in un’attività di contrasto ai reati predatori e, soprattutto volta a limitare furti in abitazione, nel corso del servizio, hanno notato un’autovettura intestata ad un cittadino monzese classe 1931, con a bordo un soggetto straniero. Insospettitisi, hanno tenuto a distanza l’autovettura, seguendola sino a quella via Casignolo, una piccola strada senza uscita, ove lo straniero ha parcheggiato ed è sceso dall’automezzo. Notati però i militari, ha tentato di rientrare in auto e fuggire, senza riuscirvi e venendo bloccato.

All’esito del controllo su strada, è stato trovato in possesso di un mazzo di chiavi, che lo stesso ha riferito essere quelle della propria abitazione sita a Monza. Tuttavia, insospettiti, i Carabinieri, effettuando alcune prove di apertura serrature di appartamenti e portoni su quella via, sono riusciti ad individuare un’abitazione che lo straniero non aveva dichiarato essere nella propria disponibilità.

All’atto dell’accesso e a seguito di perquisizione domiciliare, sono stati rinvenuti:

¾ 600 euro in contanti, ritrovati addosso all’uomo;

¾ 209 chili di marijuana, conservati in 190 buste termo-sigillate, all’interno di grossi borsoni neri;

¾ 12 chili di hashish, suddivisi in 26 panetti, riportanti le immagini dell’eroe “Goku”, protagonista del cartone animato manga “DragonBall”;

¾ una macchinetta conta soldi elettrica;

¾ una macchina sigillante per sottovuoto.

Lo stupefacente sequestrato, che resta in attesa di analisi di laboratorio, è quantificabile, per il valore di vendita all’ingrosso, in circa un milione di euro. L’arrestato è stato associato presso la casa circondariale di Monza, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria presso la Procura di Monza.

Condividi:

Related posts