Il parco Beslan di Fagnano Olona si prepara a un deciso salto in avanti

 Il progetto guarda lontano. Si propone infatti di essere “un parco a misura delle esigenze di tutti, quindi anche di coloro che sono in disabilità”. Il parco Beslan di Fagnano Olona si prepara a un deciso salto in avanti. La giunta ha messo a bilancio 98 mila Euro ma, precisa il sindaco Maria Elena Catelli, “la realizzazione ne comporterà circa 130 mila”.

Errore di valutazione economica? No, nulla di tutto questo. Semplicemente, spiega Catelli, “il progetto preliminare era stato presentato dopo la chiusura del bilancio”. Ma, a prescindere dai ghelli necessari per dare largo respiro all’iniziativa, conta il cuore dell’idea stessa.

Catelli lo sottolinea con forza e scendendo nello specifico:  “pensiamo alla realizzazione di un parco inclusivo – dice – nel quale metteremo giochi per consentire anche la fruizione ottimale da parte dei diversamente abili, ma naturalmente pensiamo a uno spazio che sia utilizzabile da tutti, anche da quanti hanno problemi di deambulazione e sono ipovedenti”.

Il parco ha già del resto un legame a doppio filo con la solidarietà perchè porta il nome di quella Beslan, città dell’Ossezia, nella quale, tra il primo e il 3 Settembre 2004, un gruppo di terroristi islamici e ceceni occupò uno stabile sequestrando 1200 persone uccidendone poi oltre trecento, tra cui quasi duecento bambini.

Una strage che scosse anche Fagnano al punto da indurla a ricordarla con un segno tangibile quale l’intitolazione di un polmone verde, spazio di sollazzo dei giovani per eccellenza. 

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts