Gorla Minore piange la scomparsa Pietro Floridia

 A Gorla Minore lo conoscevano tutti. Gentilezza, passione, politica e sociale, erano la sua carta d’identità. Per questo la sua scomparsa ha lasciato un forte vuoto nel paese.

Tutto il consiglio comunale si è stretto intorno alla famiglia di Pietro Floridia, scomparso di recente e noto anche per essere stato tra i fondatori della lista civica “Per una comunità rinnovata” che governa da diverso tempo Gorla.

La prima voce di omaggio è del primo cittadino Vittorio Landoni che afferma: “aveva un modo particolare di vivere la vita politica e sociale del nostro paese, purtroppo ci ha lasciato per una malattia incurabile, mi piace ricordare di lui la voglia di stare insieme con gli altri, il suo contributo politico e sociale di grande valore, ricordo in modo particolare il suo sostegno al gruppo “Amicizia” (associazione che assiste e favorisce l’integrazione dei diversamente abili sul territorio gorlese, ndr), il suo sorriso, la sua cordialità”. Con Floridia ha avuto un rapporto d’amicizia stretto anche il consigliere di opposizione Rossano Belloni: “a Pietro mi legava una vecchia e lunga amicizia che durava dagli anni settanta – spiega- ricordo le nostre discussioni culturali, i nostri momenti di confronto, non solo a Gorla ma anche a Catania con la sua famiglia, questo è davvero un momento di grande dolore per tutti noi, sono molto vicino alla sua famiglia”.

Giuseppe Migliarino, ex primo cittadino ora assessore ai lavori pubblici, sceglie invece di ricordarne il forte impegno sul versante sindacale: “la nostra esperienza politica e sindacale comune è stata molto lunga – afferma – era sempre disponibile  a fare spazio agli altri, lo ha fatto con tutta la notevole capacità che possedeva di fare stare insieme le persone, ricordo con quale passione lui e Mantegazza (Daniele, ex assessore a Gorla Minore proprio con Migliarino sindaco, ndr) hanno messo in piedi la nostra lista “Per una comunità rinnovata” , una figura davvero deliziosa, aperta a tutti, ci mancherà tanto”.

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts