Don Milani Tradate vince il premio Hackathon 2020

 Con la cerimonia di premiazione, da remoto, si è conclusa la terza edizione dell’iniziativa contro il cyberbullismo denominata ‘Rispetto in rete’, evento organizzato da Regione Lombardia con l’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia e l’Istituto Statale di Istruzione Superiore ‘Carlo Emilio Gadda’ di Paderno Dugnano (MI). 

A vincere il primo premio è stato l’Istituto Don Milani di Tradate (VA) con l’opera  ‘Anonimo’, categoria arti videografiche, che riceverà 1.500 euro. 

All’appuntamento sono intervenuti gli assessori regionali Riccardo De Corato (Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale) e Alessandra Locatelli (Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari Opportunità). 

Per l’Hackathon 2020 contro il cyberbullismo sono state presentate 121 opere, hanno preso parte 54 scuole provenienti da 9 province. 

Al primo posto l’Istituto Don Milani di Tradate con opera ‘Anonimo, premio 1.500 euro, categoria arti videografiche. 

Al secondo posto il Centro di Formazione professionale ‘Ticino Malpensa’ di Somma Lombardo (VA) con l’opera ‘Vita da film’, premio 1.000 euro, categoria perfomance sceniche. 

Al terzo posto l’Istituto di Istruzione Superiore Alessandro Volta di Pavia, con l’opera ‘Fino alla vita’, premio 500 euro, categoria videografiche. 

Premio speciale studente: é stato assegnato un premio ex aequo di 600 euro per le opere: ‘La 1L e l’anno della pandemia’ dell’Istituto ENIGM Lombardia di Valbrembo ( BG) e ‘Un anno dopo: quando il Covid si prese la nostra identità e memoria’ curato dall’Istituto Tosi di Codogno (LO)

Premio speciale scuola: è stata premiata l’opera presentata dall’Istituto Tosi di Codogno, premio di  400 euro. 

“È importante affrontare il fenomeno – ha sottolineato l’assessore De Corato – discutendo e coinvolgendo i ragazzi, principali fruitori degli strumenti di comunicazione di massa. È necessario far comprendere loro i gravi danni che una forma di incontrollata violenza psicologica può avere sulla vittima designata e, da qui, invitarli alla responsabilità ed al rispetto dell’altro”. 

“La scuola non costituisce solamente un luogo di apprendimento di nozioni, ma anche e soprattutto un luogo di incontro con individui dotati di pari dignità e diritti ed è la scuola, pertanto, il luogo ed il mezzo di prevenzione primaria di tale fenomeno”. 

“Regione Lombardia – ha ricordato De Corato – aprendo la strada a successivi interventi normativi, ha voluto creare, con la legge n. 1 del 2017, un sistema di azioni, in particolare nell’ambiente scolastico, volto a prevenire e contrastare il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo. Quella fornita dal legislatore regionale, dunque, è un’opportunità che abbiamo voluto cogliere, mettendo in campo, con l’Hackathon ?Rispetto in rete'”, un’opera di educazione all’uso consapevole degli strumenti informatici e della rete Internet, rendendo protagonisti, e non meri discenti, i ragazzi”. 

“L’intento della Regione – ha concluso l’assessore regionale alla Sicurezza – è quello di continuare, in futuro, a promuovere iniziative di questo tipo, affinché il mondo della scuola, culla della cultura, possa giovarsi delle risorse economiche ed organizzative necessarie ad attuare un efficace contrasto alle prevaricazioni di ogni genere”. 

“La grande adesione da parte degli istituti scolastici – ha detto Alessandra Locatelli assessore regionale alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari Opportunità – e l’entusiasmo con il quale gli studenti hanno partecipato a questa iniziativa sono segnali importanti. La lotta contro il bullismo e il cyberbullismo, infatti, può essere affrontata con efficacia solo grazie a progetti come questo, in grado di coinvolgere in prima persona i ragazzi e di raccogliere i loro spunti. Regione Lombardia da anni è in prima linea nel contrasto di quella che è diventata una vera e propria emergenza tra i più giovani: gli effetti della pandemia e i cambiamenti delle abitudini nei nostri adolescenti, oggi ci impongono di pensare a nuove strategie e azioni mirate per contrastare in modo efficace il fenomeno della violenza tra i giovani, che sempre più spesso si manifesta anche attraverso l’utilizzo scorretto dei social”.

Condividi:

Related posts