Castellanza nuovo smalto alle vie cittadine

Sul piatto è stata messa una somma di 250 mila Euro. L’amministrazione comunale di Castellanza punta con decisione a dare nuovo smalto a quattro vie cittadine con una serie di interventi mirati. Con un occhio all’estetica e l’altro proteso verso la funzionalità e la sicurezza. 

La giunta del sindaco Mirella Cerini ha proceduto a rimpolpare il programma precedente che prevedeva, come si legge nel progetto illustrativo, “la sistemazione dei tappetini d’usura di via don Minzoni, via De Gasperi, via monsignor  Colombo, via don Gnocchi e la riqualificazione dei marciapiedi di tratti di via Italia, Giusti, Verdi, da Giussano e Battisti.

Un’analisi più approfondità ha però permesso di mettere a fuoco,  da parte di palazzo Brambilla, tutta un’altra serie di criticità dall’affronto indifferibile  “considerato – si legge ancora-  che si sono evidenziate alcune problematiche su cui è necessario intervenire col fine di mettere in sicurezza la viabilità stradale e ridurre la sinistrosità fino a oggi rilevata”. 

Nel dettaglio, su via don Minzoni, arteria di tutto rilievo che collega Castellanza non solo a Olgiate Olona ma ai territori di Busto Arsizio e Gallarate , è stata prevista nel tratto da via da Giussano a via Giusti ” l’esecuzione di microtappeto a freddo in due strati posato sul tappeto d’usura esistente e ciò si rende necessario per l’usura stessa del manto stradale risalente a oltre dieci anni fa”.

Una condizione di deterioramento che ha visto il comune ricevere non poche richieste di risarcimento danni. 

Nella parte situata tra le vie Giusti e Morelli, invece, “l’intervento riguarda la fresatura e la successiva formazione di un tappetino stradale d’usura per uno spessore medio di circa cinque centimetri e detto intervento si rende necessario per l’usura stessa del manto stradale risalente a oltre dieci anni fa”.

Anche in questo caso, non sono mancate in passato segnalazioni di cittadini che, vittime di un problema su questa porzione di strada, hanno chiesto al comune il risarcimento dei danni.  

Anche per viale Borri si prevede, per la parte che insiste tra via del Bosco e prima rotatoria di accesso all’area commerciale, “l’esecuzione di microtappeto a freddo in due strati posato sul tappeto di usura esistente per l’usura stessa del manto stradale risalente a oltre dieci anni fa”. 

Ut supra, quest’arteria ha sollevato non poche critiche da parte di alcuni che su di essa hanno transitato. Il discorso vale,  sia per le rimostranze ricevute che per gli aggiustamenti in programma, anche per via Piemonte. Non da ultimo, per via De Gasperi, tra le vie San Giovanni e della Muffa è stata pensata la posa di un microtappet considerando l’usura del manto stradale che “è deteriorato e presenta molte fessurazioni che nel breve periodo si trasformeranno in buche sulla sede stradale”.

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts