Castellanza, interrogativi sullo smaltimento rifiuti

 Il tema è attuale e apre sempre un ampio territorio di discussione: come ottimizzare i processi di raccolta. trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani? Sul discorso Liuc e Agesp di Busto Arsizio hanno fatto di più che avviare un rapporto di collaborazione. Hanno innestato una riflessione comune con vista su risvolti assai pratici destinati a dare un valore aggiunto in termini di logistica, organizzazione ed efficienza del settore.

E tradotto questa collaborazione in iniziative comuni a beneficio anche degli studenti interessati a occuparsi della problematica e a portarvi il proprio contributo propositivo.

“A distanza di circa un decennio – si legge in una nota diffusa dall’ateneo di piazza Soldini – Agesp, in un’ottica di sinergia tra realtà del territorio, riprende la collaborazione con la Liuc  finanziando attività di ricerca svolte da giovani ricercatori dell’ateneo andando così ad aumentare il numero di donors che supportano l’Università”. 

La sfida lanciata da Agesp si chiama assegno di ricerca e, prosegue la nota, “servirà a sostenere un lavoro di ricerca in materia di logistica sostenibile e innovazione nei sistemi di gestione ambientale i cui risultati andranno a beneficio della società stessa”.

Un lavoro di ampio respiro che getta uno sguardo altrettanto largo sul futuro. Con l’obiettivo di “ottimizzare i processi di raccolta e trasporto-logistica dei rifiuti urbani destinati al recupero o allo smaltimenti e organizzare i siti coinvolti in ottica di incremento dell’efficienza”.

Ambedue le realtà sono convinte che la partita possa essere vinta con uno sforzo congiunto che chiami in causa la fecondità della ricerca su questo versante. “La logistica- sostiene Giorgio Ghiringhelli, referente operativo della Liuc in seno alla Rete Università Sostenibili – è uno dei componenti fondamentali dell’economia circolare e, per i servizi di igiene urbana come la raccolta differenziata, rappresenta una delle principali sfide di ottimizzazione in chiave di sostenibilità economica e ambientale”.

E sul punto, osserva ancora Ghiringhelli, “il nostro centro sulla logistica e il Supply Chain Management della Liuc Business School , diretto dal professor Fabrizio Dallari, vanta già specifiche competenze di Reverse logistics e il Waste management che potranno essere valorizzate e ampliate grzaie a questa importante collaborazione”.  Gianfranco Carraro, direttore generale di Agesp, mette l’accento sul fatto che per la società il progetto messo in campo abbia valore strategico, tanto è vero che, dice, “ha anche ricevuto l’assenso dell’assemblea dei soci tenutasi lo scorso 21 Dicembre”.

Per quanto concerne la collaborazione con la Liuc, Carraro afferma che giunge in un momento di particolare terreno fertile ovvero con la decisione dell’amministrazione comunale di Busto Arsizio retta dal sindaco Emanuele Antonelli di assegnare ad Agesp “secondo il  modello in house providing un nuovo affidamento del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti in un’ottica di valorizzazione del concetto di economia circolare, oltre alla necessità di prefigurare un modello più performante riguardo la logistica e il parco automezzi”. 

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts