Busto Arsizio Polizia di Stato interviene per rissa violenta

Mercoledì sera 21 Settembre, la Volante del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio è intervenuta in via Lamarmora dove veniva segnalata una violenta rissa in strada tra più persone.

La pattuglia, arrivata in pochi minuti, ha trovato un uomo a terra, dolorante e sanguinante, assistito da una donna. Poco dopo, grazie alle informazioni acquisite sul posto, gli stessi agenti hanno intercettato un secondo uomo che, illeso, cercava di allontanarsi di corsa e un terzo che si nascondeva su un’auto in una via limitrofa.

La ricostruzione di quanto accaduto poco prima ha permesso di stabilire che i tre uomini e la donna erano venuti alle mani
colpendosi, oltre che con pugni e calci, con una bottiglia rotta usata come arma da taglio e con un manganello tele-scopico, trovato sull’auto.

Tre coinvolti nella rissa per i tagli e le botte ricevute, sono poi dovuti ricorrere alle cure dell’ospedale da dove sono stati
dimessi con pochi giorni di prognosi. I tre uomini – tutti cittadini nordafricani con vari precedenti – e la donna italiana sono
stati denunciati per rissa aggravata dalle lesioni e porto delle armi improprie.

Nessuno di loro ha voluto fornire spiegazioni sui motivi della rissa ma i poliziotti, avendone conosciuti due per numerosi interventi e in particolare in occasione di furti di biciclette e monopattini e ipotizzando che la scintilla andasse cercata in dissapori per la ripartizione di guadagni illeciti, hanno effettuato delle perquisizioni trovando, in un’abitazione di Dairago riconducibile al terzo, sei biciclette di valore, tre delle quali elettriche, che si sospettano rubate in zona.

Per permettere ai proprietari di riconoscerle e chiederne la restituzione, la Questura di Varese ne ha pubblicato le fotografie sulla sua pagina facebook. Chi riconoscesse la propria bicicletta è invitato a presentarsi in Commissariato con copia della denuncia o, se non l’ha ancora fatto, a denunciare il furto.

Condividi:

Related posts