Busto Arsizio chiusura per dieci giorni esercizio pubblico

Venerdì 11 Febbraio, il Questore della provincia di Varese ha disposto la chiusura per 10 giorni di un bar situato al largo Giardino a Busto Arsizio.

A determinare l’emissione del provvedimento sospensivo è stato un grave episodio verificatosi poco prima dell’una di notte dello scorso 6 febbraio, quando le Volanti della Polizia di Stato di Busto Arsizio erano intervenute perché nel locale era in corso una violenta rissa.

I poliziotti, ma anche le pattuglie dei Carabinieri e della Guardia di Finanza accorse in ausilio ai colleghi, avevano faticato non poco a dividere i contendenti che, nonostante l’arrivo delle auto di servizio, continuavano ad affrontarsi picchiandosi e lanciandosi minacce.

Gli agenti sono riusciti a bloccare e identificare sette uomini, albanesi e italiani, la maggior parte dei quali con precedenti di polizia. Successivamente gli stessi sono stati tutti denunciati per rissa aggravata e uno di loro è dovuto ricorrere alle cure mediche in ospedale, dove gli è stata riscontrata la frattura delle ossa nasali.

All’interno del bar lo scenario era descritto con diversi tavolini e sedie rotte e svariati cocci di bottiglia sparsi ovunque.

Considerata la gravità di quanto accaduto e visto che in passato avventori del locale avevano già subìto aggressioni e minacce, il Questore di Varese ha accolto la proposta del Commissariato di P.S. di Busto Arsizio e applicato l’articolo 100 del TULPS, sospendendo l’attività del bar per 10 giorni, nella convinzione che costituisca oggettivamente una turbativa per l’ordine pubblico, la tranquillità e la sicurezza dei cittadini.

Condividi:

Related posts