A Fagnano Olona riparte “puliamo il mondo”

Rifiuti ovunque. E di qualunque genere. Laddove non dovrebbero esserci, ovvero nei boschi. A Fagnano Olona il problema non è nuovo.

Qualche tempo fa, in mezzo ad alcune sterpaglie, fu rinvenuta persino una lavatrice che, avesse un’anima, non avrebbe certamente pensato, dopo  anni di onorato bucato lavato e risciacquato, di trovarsi abbandonata in quel modo. Ma tanto è . 

La sezione fagnanese del Partito Democratico ha deciso di recente di lanciare di nuovo l’allarme sullo stato d’incuria in cui alcune porzioni dei boschi cittadini restano. Perchè ben vengano “Puliamo il mondo”e altre iniziative ma se l’attenzione stabile alla dignità e alla conservazione del verde  non mettono stabilmente cittadinanza, il discorso non progredirà di un passo.

“La situazione di degrado è drammatica- scrive il Pd fagnanese in una nota- purtroppo la pandemia, il distanziamento sociale e il lockdown ci hanno impedito di prenderci cura del nostro verde, l’inciviltà di chi scarica abusivamente invece non si è fermata e non conosce tregua”.

Ma boschi migliori non possono partire che dalle segnalazioni tempestive dei cittadini di luoghi in cui abbiano rinvenuto stati di abbandono di rifiuti scriteriato con conseguente depauperamento del patrimonio ambientale. E per questo , dicono, “il Pd chiede a tutti di segnalare i punti dove sono situati rifiuti abbandonati”. 

Cristiano Comelli ©

Condividi:

Related posts